Giornata della Memoria: l’iniziativa della scuola media

0
2

San Marino. Si diventa cittadini anche attraverso l’esperienza, e la nostra scuola media quest’anno ha voluto far sperimentare ai ragazzi la necessità di reagire all’ingiustizia, anche se questa non ci riguarda direttamente.
Nell’ambito delle celebrazioni per la Giornata della Memoria, infatti, dieci classi (seconde e terze) della scuola media hanno partecipato a un’attività di role-play, ideata da alcuni insegnanti distaccati e condotta dai docenti in orario, che ha permesso agli alunni, in un contesto controllato, di provare in prima persona la sensazione di sentirsi discriminati o di assistere direttamente alla discriminazione altrui.
Una discriminazione basata su criteri arbitrari, che è piombata nelle loro aule tramite una circolare apparentemente ufficiale.
In ognuna delle classi sono esplose emozioni intense e reali – rabbia, preoccupazione, frustrazione – ma nessuno ha accettato passivamente la discriminazione: immediatamente sono scaturite dai ragazzi svariate iniziative per reagire all’ingiustizia e proteggere i compagni discriminati.
Questo momento formativo si è concluso con una riflessione guidata dall’insegnante, che ha permesso ai ragazzi di mettere in relazione eventi del passato con il loro vissuto, anche se solo per lo spazio di un’ora di lezione.
A chiusura dell’attività c’è stata la lettura del classico testo attribuito a Brecht, spesso citato in occasione della Giornata della Memoria, che ha in questo caso assunto un significato molto più concreto:
Prima di tutto vennero a prendere gli zingari, e fui contento, perché rubacchiavano.
Poi vennero a prendere gli ebrei, e stetti zitto, perché mi stavano antipatici.
Poi vennero a prendere gli omosessuali, e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi.
Poi vennero a prendere i comunisti, e io non dissi niente, perché non ero comunista.
Un giorno vennero a prendere me, e non c’era rimasto nessuno a protestare.
Sul sito della Scuola Media è possibile visionare l’intervista fatta ad alcune classi dopo l’esperimento.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here