La “Donna di porto Pim” di Antonio Tabucchi, al Titano

Un progetto di Tiziano Ferrari (che ne è protagonista) e Fabrizio Montecchi (che firma anche regia e scene)

La “Donna di porto Pim” di Antonio Tabucchi, al Titano

Pinocchio con Eva Robin’s
Serena Dandini al Titano
Le Sorelle Marinetti in prima nazionale al Titano

San Marino. Giovedì 15 febbraio alle ore 21, al Teatro Titano, per la Stagione Teatrale 2017/2018 di San Marino Teatro, in scena Donna di Porto Pim, ballata per attore e ombre dal racconto di Antonio Tabucchi, un progetto di Tiziano Ferrari (che ne è protagonista) e Fabrizio Montecchi (che firma anche regia e scene).
Si tratta di una coproduzione internazionale che nella stagione 2013/2014 ha visto collaborare il teatro piacentino diretto da Diego Maj con EPCC – Théâtre de Bourg-en-Bresse, scène conventionnée.

 Presentato dalla  compagnia Teatro Gioco Vita, Donna di Porto Pim è un omaggio ad Antonio Tabucchi, realizzato attraverso il magnifico linguaggio delle ombre proprio della compagnia Teatrale. L’ombra – territorio privilegiato della pluridecennale attività della compagnia Teatro Gioco Vita – si rivela il mezzo più congruo a tradurre la dimensione pulsionale e notturna di questo canto d’amore, di balene e di morte.

“La donna di Porto Pim era una creatura lunare, sensuale e ambigua, che rubò l’anima di un baleniere e ne fece un musicista; fino a quando, per riscattare il tradimento previsto, la sconfitta annunciata, la natura assassina di lui pretese un tributo di sangue, e fu la morte per lei. Un naufragio ultimo, di un baleniere e di una balena che irrideva chi sognava di poterla imprigionare” si legge nelle note di regia.
Chi accompagnerà gli spettatori, nel racconto di questa storia d’amore e di morte, di sogno e realtà, in questo breve viaggio nel mistero dell’anima umana, sarà lo scrittore stesso, incarnato dall’attore-manipolatore.
Sarà lui il cantore di quest’epica dell’anima e sarà lui che attraverso la propria testimonianza fatta di parole e gesti evocherà ombre, reali e immaginarie, metafore di naufragi e naufraghi, di personaggi dagli atti mancati e dalle vite fallimentari.
A fronte di un sobrio impianto scenico, un tavolo, una sedia e una parete schermo, un proliferare di ombre, agite a vista davanti e dietro allo schermo, invaderanno la scena prendendo vita dalle mani dell’attore. Creta, sabbia, legno, acqua saranno alcuni dei materiali utilizzati per dare forma ai carnali, e nello stesso tempo impalpabili, protagonisti di questa storia.

I biglietti saranno in vendita mercoledì 14 febbraio presso il Teatro Titano  dalle ore 17 alle ore 20. Il giorno stesso della rappresentazione dalle ore 17. Oppure sul sito www.sanmarinoteatro.sm o presso la Biglietteria del Cinema Concordia tutti i giorni dalle 21 alle 22.

COMMENTS