“La lunga sera di Virgilio” per il secondo appuntamento del mese dantesco

Un testo inedito di Valeria Martini, recitato da Pezzi e Zonzini, racconta il destino ultimo di Virgilio dopo l’addio a Dante in cima al Purgatorio

“La lunga sera di Virgilio” per il secondo appuntamento del mese dantesco

Maciste all’Inferno, terzo appuntamento del mese dantesco
Il racconto del rapporto tra Dante e Liszt in una conferenza-concerto
Mese Dantesco: Valeria Martini immagina Virgilio salvato da un angelo

San Marino. La Società Dante Alighieri di San Marino è orgogliosa di invitare la cittadinanza al secondo appuntamento del Mese Dantesco 2018 (dodicesima edizione), che si terrà questo giovedì, 17 maggio, presso la Fondazione Graziani (Via dello Stradone, San Marino Città) alle ore 21:00.

Verrà qui presentato il testo teatrale inedito “La lunga sera di Virgilio. Il poeta nella selva a colloquio con l’angelo”, scritto dalla professoressa Valeria Martini, nota docente di lettere e latino del nostro liceo. Nella pièce, costruita come un dialogo platonico a più voci, il poeta mantovano, autore dell’Eneide, maestro poetico e morale di Dante nonché sua guida nel periglioso viaggio nei primi due regni, rifletterà – dopo aver lasciato il suo discepolo in cima al monte del Purgatorio – sulla sua missione e sul destino ultramondano che lo attende. I suoi interlocutori saranno un angelo e le anime dell’aldilà.

Sarà così indagato uno snodo narrativo della Commedia che Dante, forse volutamente, ha taciuto: il “duca” ritornerà infine nel Limbo insieme agli altri spiriti magni (dunque, sebbene in un luogo privilegiato, all’Inferno), dannato in eterno e costretto a sperimentare per l’eternità la sfibrante privazione del sommo bene, o ascenderà al cielo, potendo infine contemplare il Dio personale di cui, secondo il Medioevo, egli profetizzò la venuta nella sua ecloga quarta?

A questo ardito esercizio immaginativo che tenta di immaginare una terza cantica anche per Virgilio infonderanno vita, nel corso di un reading animato da brani musicali contemporanei, i due attori sammarinesi Cristiano Pezzi e Giovanni Maria Zonzini. Il primo studia filosofia all’Alma Mater di Bologna e calca le scene con la Scuola di Teatro – Associazione Culturale Bradipoteater, mentre il secondo, studente di quinta del nostro liceo, è giornalista per la testata Super ed anche autore dello spettacolo “Processo dell’infanticida Maria Farrar”, ispirato a una poesia di Bertolt Brecht e andato in scena al Teatro Elettra di Roma.

www.dantealighierirsm.org

info@dantealighierirsm.org

 

COMMENTA L' ARTICOLO