Leonardo da Vinci: ecco tutte le mostre che festeggiano i 500 anni del genio

Milano, Firenze, Venezia, Torino, Roma, Vinci e Prato. Dove è possibile ammirare dal vivo le opere di Leonardo da Vinci

0
10

Nel 2019 ricorrono i 500 anni della nascita di Leonardo da Vinci. Sono molte le mostre in Italia che celebrano la sua figura, in grado di fondere arte e scienza. Ecco allora dove sarà possibile ammirare le opere, i disegni e le “invenzioni” di Leonardo nei prossimi mesi.

Milano

A Milano Leonardo ha passato gli anni più importanti della sua vita. La città lo festeggia con un lungo programma chiamato Leonardo 500 e diverse mostre.

Biblioteca Ambrosiana

La biblioteca fondata da Federico Borromeo custodisce il gigantesco Codice Atlantico, la più importante raccolta di scritti e disegni di Leonardo. Fino al 16 giugno alcuni dei fogli più belli sono esposti nella mostra “I segreti del Codice Atlantico”. Ricordiamo che all’Ambrosiana si trova anche il Musico, tra i più belli e ancora enigmatici ritratti di Leonardo.

Castello Sforzesco

Al Castello Sforzesco fervono i lavori di restauro perché le ultime ricerche hanno portato alla luce i resti degli straordinari affreschi della Sala delle Asse, in cui Leonardo dipinse una stanza da pavimento a soffitto come se fosse un luogo naturale. La Sala delle Asse aprirà al pubblico dal 16 maggio per la mostra “Sotto l’ombra del Moro. La Sala delle Asse”, a cura di Francesca Tasso e Michela Palazzo, consentendo di ammirare le eccezionali tracce del disegno preparatorio di mano di Leonardo.

Museo della Scienza e della tecnologia

Il museo, intitolato proprio a Leonardo, ha scelto di celebrare l’anniversario tornando alle sue origini ed esponendo in modo evocativo le due collezioni con cui ha aperto al pubblico il 15 febbraio 1953. “Leonardo da Vinci Parade” (fino al 13 ottobre) mette in scena una ricca selezione degli spettacolari modelli realizzati negli anni ’50 interpretando i disegni di Leonardo e affreschi di pittori lombardi del XVI secolo, concessi in deposito nel 1952 dalla Pinacoteca di Brera, diretta allora da Fernanda Wittgens.

Palazzo Reale

Fino al 14 luglio la principale sede espositiva milanese propone “Il meraviglioso mondo della natura”. Quadri dedicati a flora e fauna sono messi a confronto con animali e reperti del Museo di Storia Naturale. Qui di Leonardo c’è un solo disegno, messo in dialogo con un gatto contenuto nell’Historia plantarum della Biblioteca Casanatense di Roma, tra i capolavori della miniatura tardogotica lombarda (e quindi europea…).

Cenacolo Vinciano

Naturalmente non si può dimenticare che a Milano si trova l’Ultima Cena, l’immagine più celebre e celebrata di Leonardo. Una visita in questo anno leonardesco è un omaggio obbligato…

Torino

Il volto di Leonardo lo conosciamo bene: ce l’ha consegnato lui stesso nel celebre Autoritratto. Il disegno è conservato a Torino è ora esposto fino al 14 luglio nella mostra “Leonardo da Vinci. Disegnare il futuro” nei Musei Reali. Con lui tredici fogli acquistati dal re Carlo Alberto nel 1840 e le pagine del Codice sul volo degli uccelli, ricevuto in dono da Umberto I.

Venezia

Chi non ha mai incontrato l’immagine dell’Uomo vitruviano di Leonardo? Ora lo si può ammirare dal vivo alle Gallerie dell’Accademia di Venezia, museo che lo custodisce insieme a un importante nucleo di disegni nella mostra “Leonardo da Vinci. L’uomo modello del mondo”. A questi si aggiungono carte in arrivo dal Castello di Windsor, dalla National Gallery di Washington, dal Fitzwilliam Museum di Cambridge e dalla Morgan Library di New York. Dal 17 aprile al 14 luglio.

Roma

Alle Scuderie del Quirinale è allestita la grande mostra “Leonardo – La scienza prima della scienza”. Un percorso storicamente ben calibrato che smonta tanti miti leonardeschi per ricollocare la figura di Leonardo all’interno del suo tempo e insieme esaltando le caratteristiche di unicità e poliedricità della sua figura. Un Leonardo molto più interessante della sua leggenda… Fino al 30 giugno.

Firenze

Palazzo Vecchio

Il Codice Atlantico è così grande e ricco da consentire l’allestimento di diverse mostre. Così è Palazzo Vecchio, dove è possibile visitare fino al 24 giugno “Leonardo e Firenze. Fogli scelti dal Codice Atlantico”. Sono dodici i fogli esposti.

Palazzo Strozzi

Da non perdere la mostra “Verrocchio e Leonardo”: 120 opere tra sculture, dipinti e disegni e sculture gettano luce su un artista sommo che non fu solo maestro di Leonardo e Botticelli ma contribuì in maniera essenziale alla nascita del “maniera moderna”.

Vinci

Nel borgo che ha dato i natali a Leonardo è da anni allestito un Museo Leonardiano, ricco di . Qui a partire dal 15 aprile fino al 15 ottobre sarà possibile visitare “Alle origini del genio” Co-organizzata con gli Uffizi, è incentrata sul legame biografico di Leonardo con la sua terra nel suo percorso di artista e ingegnere. In mostra anche il primo disegno conosciuto da lui realizzato, “Paesaggio 8P” datato 5 agosto 1473.

Prato

Il Museo del tessuto dedica a Leonardo da Vinci una mostra che evidenzia l’interesse, la sensibilità e l’ingegno dell’artista nella messa a punto e nell’invenzione di dispositivi e macchine per una delle attività economiche preponderanti del suo tempo, l’arte tessile: disegni, macchine, studi e testimonianze del tempo.

Fonte Rete Web Italia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here