Successo per lo Stabat Mater in Basilica

0
26

Basilica gremita ed applausi interminabili per gli artisti che hanno dato vita ieri sera a Musica in Pieve, il momento musicale con cui la Fondazione Renata Tebaldi ha voluto inaugurare il cartellone degli appuntamenti delle celebrazioni di questo 2019, 15° anniversario della scomparsa di Renata Tebaldi e di vita della Fondazione da lei creata e a lei intitolata.

A esibirsi nella Basilica di San Marino il soprano Arianna Stornello e il controtenore Carlo Vistoli che hanno emozionato il pubblico sulle note dello Stabat Mater di Pergolesi, preghiera composta da Jacopone da Todi nel ‘200 e musicata nel 1736 dal compositore marchigiano, poco prima della prematura scomparsa.
Alchimia perfetta quella fra le due voci, entrambe talenti emersi dal Concorso Tebaldi, che hanno saputo rendere impalpabile il confine fra malinconia e dolcezza che caratterizza questa composizione sacra e che, da professionisti, hanno gestito anche la carica di pathos derivante dalla presenza della registrazione dal vivo.
Impeccabile il Dolce Concento Ensemble diretto dal Maestro Nicola Valentini che di questo capolavoro ha curato anche la concertazione: un’ora di musica che ha accarezzato l’anima del pubblico e ha accompagnato le lacrime della Madonna di fronte al corpo senza vita del figlio Gesù rendendo quel dolore umano e percepibile. La bellezza timbrica del suono strumentale si è stagliata in Basilica anche nella breve Sinfonia “Al Santo Sepolcro” di Vivaldi con cui è stato aperto il concerto.

“Questo 2019 si prospetta un anno molto importante per la Fondazione Renata Tebaldi” annuncia il Presidente Niksa Simetovic affiancato da Barbara Andreini, segreteria artistica “presto annunceremo le importanti collaborazioni che ci porteranno in tutta Italia ma tenevamo moltissimo ad iniziare le celebrazioni per questo anniversario nella nostra Repubblica. Renata Tebaldi si spense proprio qui 15 anni fa e lo fece circondata dall’affetto degli amici più cari. Un sentimento sincero che ancora oggi ci anima nel lavoro incessante e quotidiano che dedichiamo alla sua Fondazione, spinti dal desiderio di ricordarla con la musica, come lei stessa ci ha indicato di fare”.

Rossella Fugaro
Ufficio Stampa Fondazione Renata Tebaldi
press@dimensioneventi.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here