Tre per mille all’ISAL o all’Associazione Sportello Consumatori

Un contributo alla solidarietà e ai diritti dei cittadini utenti, che è possibile ricevere dalla dichiarazione dei redditi

Tre per mille all’ISAL o all’Associazione Sportello Consumatori

Incontri sul bilancio. Il sindacato: è come sfogliare la margherita
Due mercoledì di chiusura per lo Sportello Consumatori
“We want sex” per il cineforum dedicato ai problemi del lavoro

  San Marino.  Destinare il tre per mille della dichiarazione dei redditi all’Istituto Servizi al Lavoro o alla Associazione Sportello Consumatori, è una significativa opportunità per contribuire alla solidarietà e allo sviluppo dei diritti dei cittadini. Infatti, è anche grazie a questo contributo che è  possibile finanziare gli interventi di solidarietà dell’ISAL-CSdL e l’attività dello Sportello Consumatori. Ricordiamo che il tre per mille, in assenza di una indicazione diversa da parte del contribuente, è una quota che in ogni caso verrebbe trattenuta dallo Stato; quindi, non si tratta in alcun modo di una trattenuta aggiuntiva. Pertanto, viene riconosciuta ai cittadini la possibilità di sceglierel’Associazione a cui destinare il tre per mille.

L’ASSOCIAZIONE SPORTELLO CONSUMATORI. Svolge un importante ruolo di tutela dei cittadini nel campo dell’acquisto di beni e servizi, a cui si rivolgono centinaia di persone ogni anno. Molti casi vengono risolti positivamente e con soddisfazione da parte dei consumatori. Lo Sportello svolge anche un’importante azione per affermare una legislazione sempre più tutelante per i cittadini.

L’ISAL-CSdL E LE INIZIATIVE DI SOLIDARIETÀ. Ogni anno l’ISAL-CSdL destina propri contributi ad iniziative di solidarietà internazionale in varie aree del mondo e all’interno di San Marino. Nel 2017 l’ISAL ha contribuito ai seguenti progetti.

– TUNISIA: PROMOZIONE E RAFFORZAMENTO DELL’ECONOMIA SOCIALE SOLIDALE – Il progetto, organizzato da Nexus CGIL (ente di solidarietà della CGIL-Emilia Romagna) è volto a rafforzare le imprese solidali e i processi partecipativi di costruzione di politiche pubbliche di Economia Sociale e Solidale, coinvolgendo e rafforzando la capacità di dialogo tra istituzioni e società civile tunisina, puntando a sostenere il processo di transizione democratica di quel paese.

 – ALGERIA: “FORMAZIONE, LAVORO, ALIMENTAZIONE PER I PROFUGHI SAHRAWI” – Questo progetto, organizzato anch’esso da Nexus-CGIL, punta al miglioramento dello stato nutrizionale di molti profughi Sahrawi rifugiati nei campi di accoglienza in Algeria, attraverso la promozione di attività generatrici di reddito legate direttamente o indirettamente alla filiera alimentare. Le attività di formazione sono indirizzate alla promozione del lavoro attraverso le cooperative femminili dedicate alla produzione, conservazione e commercializzazione di alimenti.

– KENYA: ADOZIONI A DISTANZA NEL CENTRO SOCIALE DI KIVULI – Da anni l’ISAL provvede al sostegno  di un centro sociale, a Nairobi, in cui sono ospitati decine di bambini, consentendo loro di studiare e fare scelte costruttive per la propria vita. Questa iniziativa è gestita dalla Associazione Amani.

– SAN MARINO: COOPERATIVA SOCIALE INVOLO – Il suo scopo è quello di creare un vero e proprio ambiente di lavoro per i lavoratori che appartengono all’ampia categoria delle persone “svantaggiate”, seguite dai servizi sociali, affinché possano intraprendere un proprio cammino di autonomia attraverso il lavoro.

ISAL-CSdL         Associazione Sportello Consumatori

 

COMMENTA L' ARTICOLO