Il secondo appuntamento del green va sold out

Tripudio per il secondo appuntamento del San Marino Green Party alla Taverna: “dire…fare…mangiare” conquista il pubblico a suon di cultura della sostenibilità

Il secondo appuntamento del green va sold out

Ultimo appuntamento del San Marino Green Party
Torna “Brillanti e bollicine a Palazzo Arzilli”
A porte aperte: domani sera appuntamento a Borgo Maggiore

San Marino. La seconda serata del San Marino Green Party svoltasi ieri sera all’interno dell’Osteria La Taverna ha registrato il tutto esaurito: complici sicuramente le prelibatezze a Km0 di Chef Sartini, la tematica importante ed il gradimento per il format di cultura e convivialità ideato da Gabriele Geminiani.
Si è parlato di pericolosità di plastiche e microplastiche e lo si è fatto veleggiando fra le parole di Fabio Fiori, biologo marino ma, soprattutto, scrittore e navigante. “Il rapporto fra plastiche ed acque è più complesso di quanto appare – ha esordito l’ospite – non solo perché ci nutriamo di creature che hanno assorbito le sostanze disciolte in acqua, ma anche perché, in un ciclo ineluttabile, noi di acqua viviamo. Non possiamo quindi ignorare ciò che accade in mare, perché le plastiche che vi si disciolgono rischiano di essere da noi ingerite o bevute”.
Spiegate le vele, la parola è passata ai tecnici di IAM – Igiene Ambientale Management, società sammarinese capace di rimettere sul mercato gran parte dei rifiuti di provenienza sia industriale che domestica: “La nuova visione in campo ambientale che attuiamo ci spinge a fornire servizi efficienti ed efficaci in materia di trattamento rifiuti nel rispetto della normativa e dell’etica ambientale. Lo smaltimento dei rifiuti speciali o dei comuni imballaggi merita la stessa attenzione”.
Nuova visione e condotta sostenibile anche nelle parole di Carmen Schiavone, titolare de La Chiara srl, azienda sammarinese specializzata nel trattamento dell’acqua potabile: “Puntiamo ad avare una San Marino libera dalla plastica pertanto la nostra mission principale è quella di sensibilizzare le persone nel ridurre l’utilizzo dei contenitori plastici, i quali, oltretutto, rilasciano sostanze nocive nel contenuto.”
Possibilità concrete quindi per una gestione più sostenibile dei rifiuti plastici in una Repubblica che si dimostra sempre più sensibile al tema green, così come testimonia la massiccia presenza di ieri sera.

COMMENTS