Meteo: nuove nevicate tra sabato e domenica, freddo sempre più pungente

Venti siberiani arriveranno da domenica nelle nostre zone. Rialzo termico atteso solo giovedì prossimo

Meteo: nuove nevicate tra sabato e domenica, freddo sempre più pungente

Meteo: weekend instabile, in attesa di un ritorno del freddo
Meteo: torna l’inverno, per una settimana
Previsioni meteo: il freddo concede una breve tregua

San Marino. Come previsto, dopo un temporaneo rialzo termico, la colonnina di mercurio ha ripreso a scendere e la neve si è abbassata nuovamente di quota. Altalena termica che continuerà anche oggi pomeriggio; è previsto infatti un nuovo aumento delle temperature che apporterà piogge a tutte le quote del territorio sammarinesi. Come ampiamente preannunciato, però, si tratta solo di una tregua: un nocciolo gelido di provenienza artico-russa, da sabato notte-domenica si getterà nel Mediterraneo settentrionale, foriero di nuovi rovesci di neve (questa volta fino al mare) e di un progressivo calo termico. Per questo episodio si può parlare tranquillamente di gelo, come non si è visto da anni qua in Repubblica: martedì e mercoledì prossimi, con suolo innevato, le minime potrebbero raggiungere i -8/-9 nella parte alta di San Marino (comunque -4/-5 possibili anche a Dogana). Sostanzialmente da domenica sera a mercoledì notte-giovedì mattina, tutto il territorio rileverà solamente temperature negative, a qualsiasi orario del giorno.

NON SARA’ UN NUOVO 2012: a scanso di equivoci, quello alle porte, stando ai dati attuali che comunque potrebbero cambiare, sarà freddo quasi o come il febbraio 2012, ma la durata in termini di giorni sarà molto inferiore, visto che già da giovedì 1 marzo dovremmo tornare sopra lo 0. Anche le nevicate, pur sommando quelle già avvenute nel corso degli ultimi giorni, non arriveranno ad avvicinarsi, neanche lontanamente agli accumuli totali del febbraio 2012. Se sommiamo i 50 cm circa di San Marino Città già caduti ad altri eventuali 30-40 cm che cadranno da domenica in avanti arriviamo solo ad 1/4 o forse 1/3  del totale di neve cumulata 6 anni fa, quando superò i  300 cm. Per le quote inferiori poi il raffronto è ancora peggiore.
Ribadisco: questo risulta dai dati attuali, l’evoluzione è da seguire quotidianamente, perché le dinamiche ed i fenomeni potrebbe cambiare in un senso o nell’altro.

SABATO: giornata di relativa tregua, con piovaschi mattutini ancora possibili, dalla sera/notte nuove precipitazioni in arrivo, che potrebbero, in alta collina, già manifestarsi come piogge mista a neve o neve bagnata;

DOMENICA: rovesci nevosi che progressivamente guadagnano tutte le quote fino a Dogana, accumuli al momento quantificabili in 10-25 cm di neve fresca.

MeteoLuca

 

COMMENTS