Sviluppo turistico, si guarda all’India

Avviate con successo le attività di internazionalizzazione con il Consolato Generale di New Delhi

Sviluppo turistico, si guarda all’India

Carisp, domani l’incontro politico ufficiale
Al via stasera la IX edizione di Nott’Arte
I magnifici 60

San Marino. A conclusione di una missione autorizzata dal Governo, la Segreteria per gli Affari Esteri rende noto che, presso il Consolato Generale di New Delhi in India, sono state avviate con successo le attività di internazionalizzazione, incentrate anche sull’attrazione di nuovi flussi turistici presso la Repubblica di San Marino.

Per un periodo di due mesi il nostro Consolato è stato supportato da un agente del Governo nell’implementazione delle nuove metodologie di lavoro, che si intendono standardizzare per altri Consolati e Ambasciate.

Durante l’avvio delle operazioni sono state contattate 14 tra le principali agenzie di viaggio e tour operator della capitale, ed entro i prossimi 12 mesi si prevede l’arrivo dei primi flussi turistici indiani.

In occasione del suo recente incontro con il nostro Ambasciatore Massimo Ferdinandi, incaricato del progetto di internazionalizzazione, il Console Generale Analjit Singh ha confermato il significativo e continuativo impegno del Consolato da lui retto nella direzione di una metodica e organizzata azione di attrazione sia di flussi turistici, sia di investimenti provenienti dall’India.

Questa Segreteria si rallegra per l’avvio delle operazioni di sviluppo economico anche presso il Consolato Generale di New Delhi, che fa seguito alle missioni svolte presso l’Ambasciata in Indonesia e il Consolato Generale di Hanoi, e si appresta ad estendere la stessa attività di standardizzazione presso altre missioni diplomatiche e consolari nei paesi asiatici, in previsione delle migliori sinergie con l’Agenzia per lo Sviluppo Economico, cui il Governo sta lavorando. Le attività mirate allo sviluppo economico sostenibile della Repubblica di San Marino rappresentano, infatti, una delle priorità di questo Governo.

COMMENTA L' ARTICOLO