Sette nuovi ambasciatori accreditati a San Marino

Presentati alla Reggenza dal Segretario di Stato agli Affari Esteri, Nicola Renzi

Sette nuovi ambasciatori accreditati a San Marino

Proseguono gli incontri bilaterali della Segreteria Esteri
Incontro Renzi – Alfano alla Farnesina
Avviati i lavori della 43° Consulta dei Cittadini Sammarinesi all’estero

San Marino. Sono sette gli Ambasciatori Straordinari e Plenipotenziari che oggi hanno presentato le Lettere Credenziali agli Ecc.mi Capitani Reggenti, SE Matteo Fiorini e SE Enrico Carattoni.
Ad introdurre i diplomatici il Segretario di Stato per gli Affari Esteri, Nicola Renzi, che si è soffermato sulle specificità del rapporto bilaterale vigente con i rispettivi Paesi di provenienza, nell’auspicio di un progressivo potenziamento in direzione, soprattutto, del percorso di internazionalizzazione in atto.
Nella sala del Consiglio dei XII di Palazzo Pubblico sono intervenuti SE Sergey Nurtayev, Ambasciatore della Repubblica del Kazakhstan, SE Tasia Athanasiou, Ambasciatore della Repubblica Ellenica, SE Jesús Manuel Gracia Aldaz, Ambasciatore di Spagna, SE Margit F. Tveiten, Ambasciatore del Regno di Norvegia, SE Choi Jong-hyun, Ambasciatore della Repubblica di Corea, SE Ricardas Šlepavičius, Ambasciatore della Repubblica di Lituania, SE Paul Dühr, Ambasciatore del Granducato di Lussemburgo. È seguito il giuramento di due Rappresentanti diplomatici della Repubblica, che andranno ad implementare l’organico esistente presso due importanti sedi: la Signora Laurence Majoie, in qualità di Ministro presso la Missione Permanente di San Marino presso l’ONU e le altre Organizzazioni internazionali con sede a Ginevra, e Padre Ciro Benedettini, in qualità di Consigliere di Ambasciata presso la sede diplomatica sammarinese presso la Santa Sede. Quest’ultimo, concittadino emerito della Repubblica, ha svolto per decenni l’incarico di vice-direttore della sala stampa vaticana. Il neo-diplomatico si distingue per una comprovata esperienza e alto spirito di servizio: doti che da oggi saranno messe a disposizione della Repubblica e delle sue Istituzioni.

COMMENTA L' ARTICOLO