Il bambino «fiocco di neve» e la foto virale che commuove la Cina

Wang Manfu, 10 anni, ha percorso 4 chilometri a -9 gradi per arrivare a scuola. La sua immagine ha fatto il giro del Paese e illuminato le contraddizioni di una potenza economica che fatica a dare speranza ai «liushou», i bambini «lasciati indietro»

Il bambino «fiocco di neve» e la foto virale che commuove la Cina

L’Anno del Turismo Europa-Cina celebrato nei francobolli
Dal Titano alla Cina per approfondire la tesi di laurea
Terenzi in Cina al forum internazionale degli ex leader mondiali

Si chiama Manfu, ha nove anni, e gli si sono gelati i capelli e le ciglia per andare a scuola. I compagni di classe lo hanno chiamato in coro «Fiocco di neve» e hanno riso di lui quando è arrivato con i capelli pieni di ghiaccio. Quella di Wang Manfu, scolaro di una zona rurale dello Yunnan cinese è una storia che fa riflettere sulla Cina a due velocità: superpotenza economica che corre e sforna miliardari e l’altra lentissima che ancora combatte con sacche enormi di povertà.

A meno 9 gradi, per 4 chilometri

Il bambino è arrivato coperto di gelo perché per andare a scuola nel giorno degli esami aveva dovuto camminare per quattro chilometri nella neve, con una temperatura di meno 9 gradi. Il maestro ha pensato di fotografarlo e lanciare l’immagine sui social network. La foto è diventata virale e ha rivelato una storia di disagio profondo. Wang Manfu è uno dei milioni di bambini cinesi che vivono in villaggi sperduti con i nonni, perché i genitori sono andati in lontane città a lavorare. Per loro è stato coniato un nome: «liushou», che significa «lasciati indietro». Sono gli orfani sociali dello straordinario sviluppo industriale della Cina, che ha portato quasi 300 milioni di contadini a migrare dalla campagna alle megalopoli per trovare occupazione nelle catene di montaggio e nei cantieri. La scuola è l’unico rifugio sicuro per i «liushou».

Il padre di Manfu lavora molto lontano e torna a casa due volte all’anno. Il bimbo vive con la nonna in una capanna di fango, dove il fuoco non basta a salvare lui e la sorellina dai geloni. La mamma non c’è più. Grazie alla foto sono arrivati cibo, vestiti e un lavoro per il padre più vicino a casa. Adesso, le autorità locali chiedono che le donazioni possano essere girate anche ad altri bimbi, perché Manfu non è il solo ad essere poverissimo.

COMMENTS