Consegnati gli attestati ai giovani dei Soggiorni Culturali

L’impegno, la curiosità e la passione sono stati gli ingredienti messi in condivisione che hanno caratterizzato queste tre settimane di permanenza in Repubblica

Consegnati gli attestati ai giovani dei Soggiorni Culturali

I frati minori se ne vanno, ma solo temporaneamente
San Marino aderisce alla Giornata Mondiale contro il Razzismo
Gli Esteri rispondono al professor Cardini

San Marino. Terminate le tre settimane di permanenza in Repubblica, come consuetudine i giovani partecipanti ai Soggiorni Culturali sono stati convocati a Palazzo Begni per la consegna degli attestati.
Ad accoglierli Mauro Maiani, Responsabile dei rapporti con le Comunità sammarinesi all’estero, e Samuele Guiducci, Segretario Particolare della Segreteria di Stato per gli Affari Esteri.
L’impegno, la curiosità e la passione sono stati gli ingredienti messi in condivisione, che hanno permesso al gruppo di amalgamarsi nonostante le differenze culturali. L’origine comune è stata una motivazione forte, che ha spinto i giovani a crescere nella conoscenza di San Marino e li ha avvicinati ai sentimenti di ogni cittadino sammarinese residente nei confronti del proprio Paese. L’auspicio è che questo percorso, seppur breve, possa arricchirli e incidere positivamente sul loro futuro.La Segreteria degli Esteri continuerà a sostenere e promuovere questo genere di esperienze formative, considerate un valido investimento sulle nuove generazioni e in particolare sui giovani sammarinesi residenti all’estero, primi ambasciatori di San Marino nel mondo.
Al termine della cerimonia sono stati resi noti i nomi dei tre giovani che, di diritto, parteciperanno alla Consulta dei sammarinesi residenti all’estero, che si tiene annualmente i primi di ottobre a San Marino. Norina Rossini per l’anello argentino, Alexander Julian Capicchioni per quello statunitense e Zoe Bautista per il francofono sono stati scelti fra i sedici partecipanti a questa 38° edizione per il loro particolare impegno e la motivazione dimostrati, oltre alla padronanza della lingua dei loro avi, in rappresentanza delle diverse aree geografiche dove sono dislocate le Comunità.
Un ringraziamento particolare della Segreteria di Stato va ai tre tutor e al coordinatore, che con impegno e dedizione hanno seguito i ragazzi in ogni momento delle loro  giornate.

COMMENTS