Il Consiglio nomina i nuovi Reggenti: Matteo Fiorini e Enrico Carattoni

I lavori della seconda giornata dedicati all’esame delle istanze d’arengo

Il Consiglio nomina i nuovi Reggenti: Matteo Fiorini e Enrico Carattoni

Consiglio Grande e Generale anche in agosto
Visita del Sottosegretario alla Giustizia italiano, Gennaro Migliore
Comunque, Romito c’è!

San Marino. Con l’elezione dei Capitani Reggenti per il semestre 1° ottobre 2017-1°aprile 2018 si conclude la seduta consiliare del pomeriggio. L’Aula designa infatti Matteo Fiorini ed Enrico Carattoni- candidati rispettivamente di Repubblica Futura e Sinistra Socialista e Democratica- alla più alta carica dello Stato.

Alla ripresa dei lavori del pomeriggio, i consiglieri proseguono l’esame delle istanze d’Arengo, affrontando in un unico dibattito 6 istanze, per lo più di natura tecnica, per regolamentare e aumentare i controlli sul settore della vendita dei carburanti. Delle sei richieste dei cittadini ne sono accolte due: la n. 52 “per una adeguata comparazione dei prodotti ad imposta speciale agevolata al reale fabbisogno della Repubblica e delle aziende che ne usufruiscono in base al contingente concordato annualmente con l’Italia”, ottiene 52 voti a favore. Accolta anche con 50 voti a favore e 2 astenuti l’istanza n.48, “per far conoscere quante leggi, decreti e regolamenti riguardano il settore carburanti e prodotti energetici a San Marino; per mettere in evidenza le statistiche inerenti i volumi dei singoli prodotti importati e commercializzati; per far conoscere quali e quante aziende operano con i prodotti energetici elencati nel Decreto n.195/2011”.

Tra le istanze respinte, la n.45, “per il ripristino della funzione di pagamento con Carta SMaC nei distributori di carburanti”. Stesso destino per la n.46 in favore del ricorso a ditte certificate di manutenzione per “verificare la conformità delle attrezzature elettromeccaniche utilizzate dalle aziende distributrici di carburante e prodotti energetici”; e per la n. 47 “per il completamento dei dispositivi esistenti a disposizione dello Stato in modo da rendere inequivocabile ogni approvvigionamento e vendita dei singoli prodotti energetici importati e commercializzati in Repubblica”. Bocciata infine anche la n.49 “per un miglior controllo dei prodotti energetici importati e per una sinergia/collegamento con il sito dell’Agenzia delle Entrate italiana”.

L’Aula passa poi ad affrontare due istanze sull’emersione dei redditi: la n. 3 in favore dell’introduzione del redditometro e la n.14, “per la pubblicazione annuale, su appositi siti, dell’ammontare delle imposte dirette e dei contributi previdenziali assolti da ciascun contribuente, persona fisica o giuridica”. Il dibattito- che vede il governo e tutti i gruppi orientati a respingere le istanze, ad eccezione di C10, in favore dell’istanza n.14- si interrompe, per consentire il rito propiziatorio e le elezioni dei Capitani Reggenti. I lavori riprendono poi in seduta notturna.

(Fonte: SMNA)

 

COMMENTA L' ARTICOLO