Il Consiglio nomina i nuovi Reggenti: Matteo Fiorini e Enrico Carattoni

I lavori della seconda giornata dedicati all’esame delle istanze d’arengo

Il Consiglio nomina i nuovi Reggenti: Matteo Fiorini e Enrico Carattoni

Consiglio, un comma sulla vicenda Asset
Consiglio, approvato il decreto per il rifinanziamento di Cassa
Colpo di scena in Consiglio, si parla subito di banche

San Marino. Con l’elezione dei Capitani Reggenti per il semestre 1° ottobre 2017-1°aprile 2018 si conclude la seduta consiliare del pomeriggio. L’Aula designa infatti Matteo Fiorini ed Enrico Carattoni- candidati rispettivamente di Repubblica Futura e Sinistra Socialista e Democratica- alla più alta carica dello Stato.

Alla ripresa dei lavori del pomeriggio, i consiglieri proseguono l’esame delle istanze d’Arengo, affrontando in un unico dibattito 6 istanze, per lo più di natura tecnica, per regolamentare e aumentare i controlli sul settore della vendita dei carburanti. Delle sei richieste dei cittadini ne sono accolte due: la n. 52 “per una adeguata comparazione dei prodotti ad imposta speciale agevolata al reale fabbisogno della Repubblica e delle aziende che ne usufruiscono in base al contingente concordato annualmente con l’Italia”, ottiene 52 voti a favore. Accolta anche con 50 voti a favore e 2 astenuti l’istanza n.48, “per far conoscere quante leggi, decreti e regolamenti riguardano il settore carburanti e prodotti energetici a San Marino; per mettere in evidenza le statistiche inerenti i volumi dei singoli prodotti importati e commercializzati; per far conoscere quali e quante aziende operano con i prodotti energetici elencati nel Decreto n.195/2011”.

Tra le istanze respinte, la n.45, “per il ripristino della funzione di pagamento con Carta SMaC nei distributori di carburanti”. Stesso destino per la n.46 in favore del ricorso a ditte certificate di manutenzione per “verificare la conformità delle attrezzature elettromeccaniche utilizzate dalle aziende distributrici di carburante e prodotti energetici”; e per la n. 47 “per il completamento dei dispositivi esistenti a disposizione dello Stato in modo da rendere inequivocabile ogni approvvigionamento e vendita dei singoli prodotti energetici importati e commercializzati in Repubblica”. Bocciata infine anche la n.49 “per un miglior controllo dei prodotti energetici importati e per una sinergia/collegamento con il sito dell’Agenzia delle Entrate italiana”.

L’Aula passa poi ad affrontare due istanze sull’emersione dei redditi: la n. 3 in favore dell’introduzione del redditometro e la n.14, “per la pubblicazione annuale, su appositi siti, dell’ammontare delle imposte dirette e dei contributi previdenziali assolti da ciascun contribuente, persona fisica o giuridica”. Il dibattito- che vede il governo e tutti i gruppi orientati a respingere le istanze, ad eccezione di C10, in favore dell’istanza n.14- si interrompe, per consentire il rito propiziatorio e le elezioni dei Capitani Reggenti. I lavori riprendono poi in seduta notturna.

(Fonte: SMNA)

 

COMMENTA L' ARTICOLO