Il Comitato di Controllo sulle Fondazioni a Paneuropa

Precisazioni in merito ad una più chiara rappresentazione dei fatti

Il Comitato di Controllo sulle Fondazioni a Paneuropa

Tito Masi: “È urgente ricreare fiducia sul sistema bancario”
USC: siamo in stato di forte crisi
SSD completa gli organismi interni

San Marino. Il Comitato di Controllo sulle Fondazioni, facendo seguito al comunicato stampa della Fondazione Paneuropea Sammarinese in data 05/12/2017, con il precipuo scopo di fornire una chiara rappresentazione dei fatti nonché del ruolo e dei compiti allo stesso assegnati dalla legge, rappresenta quanto segue.

Il Comitato di Controllo sulle Fondazioni, istituito con Legge 1 luglio 2015 n.101, nell’esercizio delle proprie funzioni di controllo così come espressamente demandate dalla legge, ha, nel corso dell’anno 2017, spirato il termine per il regime transitorio di un anno dall’entrata in vigore della legge, proceduto a verificare l’adeguamento delle fondazioni esistenti al nuovo dettato normativo in particolar modo per quanto attiene la regolarizzazione dello Statuto, documento da depositare presso la Cancelleria del Tribunale (Art. 64 Legge n.101/2015). All’esito della verifica, ed in ottemperanza al disposto normativo, le carenze riscontrate in talune fondazioni sammarinesi tra cui Fondazione Paneuropea Sammarinese, sono state pertanto oggetto di segnalazione (ai sensi dell’Art. 49 Legge n.101/2015) al Commissario della Legge il quale assegna termine per l’adeguamento richiesto (Art. 65 Legge n.101/2015 “La mancata ottemperanza agli obblighi di cui all’art. 64 è causa di scioglimento della fondazione. […] A tal fine il commissario della legge assegna alla fondazione un termine di sessanta giorni per l’adeguamento dello statuto […]”).

A seguito di verifica della correttezza della documentazione aggiornata depositata dalle fondazioni in Tribunale, si è proceduto quindi a dare comunicazione in tal senso al magistrato (con riferimento specifico alla Fondazione Paneuropea Sammarinese lo scrivente Comitato rappresenta che la comunicazione in parola è stata dallo stesso trasmessa al Commissario della Legge in data 27/11/2017), al di fuori pertanto di qualsivoglia contenzioso ma in totale contesto di fattiva collaborazione nel perseguimento degli scopi normativamente previsti che vedono il Comitato e il Commissario della Legge chiamati, sia nell’ambito delle rispettive attribuzioni che in sinergia, alle attività di controllo sulle fondazioni sammarinesi.

Quanto sopra per sottolineare come il Comitato si attenga, e si sia attenuto, solo ed esclusivamente alla legge, in piena autonomia ed indipendenza e nel rispetto del Codice di condotta per gli agenti pubblici (Legge n.141/2014) cui i propri componenti sono tenuti nell’esercizio delle proprie funzioni che esercitano pertanto con imparzialità e neutralità politica.

Il Comitato, lungi dall’alimentare polemiche ribadisce il proprio impegno istituzionale a tutela del settore no-profit, nel perseguire gli obiettivi delineati anche dalla Raccomandazione n.8 GAFI, ritenendo indispensabile assicurare a tutti gli enti no-profit un alto livello di trasparenza, di integrità e di fiducia del pubblico nella loro gestione e nel loro funzionamento per impedire che il settore caritativo, fondamentale per la società, possa essere utilizzato in modo distorto.

L’attuale Comitato di Controllo sulle Fondazioni, tenuto conto del positivo esito dell’iter di verifica e conseguente adeguamento richiesto, nell’auspicare un clima di sempre maggior costruttiva collaborazione, desidera infine esprimere soddisfazione per la ripresa delle attività della Fondazione Paneuropea Sammarinese.

COMMENTA L' ARTICOLO