Consiglio, approvata l’istanza d’arengo sulla SMAC

Bocciata l’istanza sul trenino biancoazzurro e quella sugli incentivi per l’acquisto di biciclette elettriche

Consiglio, approvata l’istanza d’arengo sulla SMAC

Consiglio, si discute ancora per la patrimoniale
Il Consiglio dà il via al lungo esame del bilancio
Consiglio: si ricomincia litigando sui “cavalli di battaglia”

San Marino. L’esame dell’istanze d’Arengo sono al centro della seduta del Consiglio Grande e Generale di ieri pomeriggio. I lavori ripartono con una serie di nomine e dal comma 9, relativo appunto, a una trentina di istanze d’Arengo. Respinta la n. 2 “Per la riattivazione della ferrovia per il tratto galleria Montale”, con 28 voti contrari e 18 favorevoli.  “E’ un impegno che verrà affrontato – promette Augusto Michelotti – ma ci sono altre priorità, non è questo il momento per proporre il rifacimento del percorso ferroviario. Operazione complessa e costosa”. Il tracciato potrà comunque messo in funzione non tanto come mezzo di trasporto regolare ma come rievocazione storica. Dai binari alle strade: respinta a maggioranza, con voto palese, anche la richiesta di incentivi per l’acquisto di biciclette elettriche.

Approvata invece la n. 6 che chiede il potenziamento della Smac Card: “Per l’implementazione dell’utilizzo della Smac. In particolare: per il suo uso in quei settori dell’Amministrazione che già richiedono l’utilizzo di una tessera; per l’accredito di una parte dello stipendio; per l’accesso a documenti e certificazioni personali e relativo pagamento; per il pagamento del bollo virtuale”.  Si passa infine all’esame di tre istanze tecniche relative al settore dei carburanti, l’Aula ne accoglie due a maggioranza:, la n. 11 “Per l’allineamento agli standard internazionali in materia di planimetrie dei flussi dei carburanti affinché sia indicato il percorso effettivo di ogni singolo prodotto energetico dalle cisterne agli erogatori”; e la n. 12 “Per la ricezione in via telematica dei documenti emessi al momento dell’approvvigionamento di prodotti energetici presso i depositi italiani autorizzati al fine della certezza delle importazioni e degli approvvigionamenti”. Respinta invece la n.13 “Per l’implementazione del dispositivo elettronico esistente a disposizione dello Stato e relativo all’approvvigionamento e vendita di prodotti energetici”.

COMMENTS