“RETE 2020”: il documento di indirizzo programmatico

Il documento vuole sancire l’avvio di un progetto politico di ampio respiro che possa arginare le contingenze del momento e rilanciare il paese, ponendo le basi per un sano e duraturo sviluppo economico, sociale, etico e sostenibile

“RETE 2020”: il documento di indirizzo programmatico

Consegnato ai capigruppo un documento coi nomi dei grandi debitori
USL sui medici in fuga: nessun riscontro sul documento unitario
Revisione dell’IGR, la CSU ha consegnato la sua posizione

San Marino. Sistema finanziario, giustizia, Istituzioni, pubblica amministrazione, politica estera e metodo: questi sono i contenuti di “RETE 2020”, il documento di indirizzo programmatico approvato dall’Assemblea del Movimento RETE nella serata di ieri. Un documento che è frutto del grande lavoro fatto dal Movimento nell’ultimo anno e mezzo sia all’interno sia all’esterno del Consiglio Grande e Generale e dei continui e proficui confronti attivati con cittadinanza, associazioni datoriali e di categoria, forze politiche e sindacati.

“RETE 2020” vuole sancire l’avvio di un progetto politico di ampio respiro che possa arginare le contingenze del momento e che contemporaneamente possa rilanciare il paese, ponendo le basi per un sano e duraturo sviluppo economico e sociale, etico e sostenibile.

Allo stesso tempo il Movimento RETE esprime la volontà di ampliare la propria base elettorale catalizzando attorno a sé chiunque voglia creare un’alternativa a questo governo e a questo malsano metodo di fare politica basato su una mera spartizione di potere e di poltrone. RETE punta ad un reale e tangibile cambiamento, che non si riduca a inutili slogan, ma al contrario sia mezzo per contrastare qualsiasi tipo di potentato e di denuncia delle storture e delle commistioni tra politica e lobby economiche.

“RETE 2020” lancia un messaggio chiaro e conciso: il Movimento RETE è pronto per governare ed è disposto ad aprirsi al confronto con chiunque voglia mettersi in gioco, attuando una ferma volontà di discontinuità con il passato, sradicando il malaffare e l’illegalità e relegando le vecchie ed odiose pratiche clientelari definitivamente alla storia.

 

 

COMMENTS