Commissione Finanze: Celli annuncia le sue dimissioni

Saranno formalizzate alla Reggenza lunedì prossimo. Nel frattempo vola a Bali al Fondo Monetario. Duro attacco al giudice Morsiani

Commissione Finanze: Celli annuncia le sue dimissioni

Maria Soledad in Commissione Finanze
BCSM convocata in audizione dalla Commissione Finanze
Commissione Finanze: l’opposizione alza la voce

San Marino. “La mia esperienza di governo finisce qui“. Così il Segretario alle Finanze Simone Celli, poco prima delle 19, intervenendo in Commissione Finanze, ha annunciato le dimissioni. “Ho resistito finché il combattimento è stato alla pari” ha detto riferendosi alle ordinanze che ha definito “ad orologeria”, da parte del Commissario della Legge Morsiani.
Celli ha dunque apertamente attaccato l’operato del magistrato che è titolare delle ordinanze recentemente recapitate a Banca centrale, a Cassa di risparmio e anche della cosiddetta ‘Indagine titoli’. Ha inoltre evocato anche l’ex magistrato Dirigente Valeria Pierfelici, pur non citandola esplicitamente.
Ha anche fatto sapere di aver denunciato l’avvocato Gian Nicola Berti perché gli avrebbe preannunciato iniziative della magistratura nei suoi confronti. Il segretario alle Finanze ha precisato che le dimissioni le formalizzerà lunedì prossimo alla Reggenza e prima si recherà comunque all’appuntamento del Fondo Monetario Internazionale a Bali.
Le dimissioni di Celli erano nell’aria da giorni ma che poco prima della commissione finanze restavano ipotetiche. Il Segretario di stato dimissionario, infatti, prima di annunciare la sua intenzione di lasciare l’incarico aveva già parlato in commissione in comma comunicazioni, senza farne menzione e riferendo invece sullo slittamento a lunedì prossimo della decisione dell’assemblea dei soci di Cassa di Risparmio sulla cessione degli Npl in Delta.
Dopo l’intervento di Celli ha preso la parola come previsto la presidente di Banca Centrale Catia Tomasetti che si è dichiarata dispiaciuta per le dimissioni di Celli precisando che le dimissioni del direttore della vigilanza Raffaele Mazzeo, non sono state determinate dall’ordinanza di Morsiani, ma da dinamiche diverse. (Fonte: San Marino RTV)

 

COMMENTS