Il turismo scolastico non è contemplato nelle nostre normative

Il Segretario Podeschi interviene nella diatriba sulla possibilità di ospitare a San Marino alunni “no vax”

Il turismo scolastico non è contemplato nelle nostre normative

Il Titano verso i 4G
USGI incontra il Segretario di Stato all’Informazione Marco Podeschi
Marco Podeschi risponde a MDSI

San Marino. In riferimento alle dichiarazioni apparse sulla stampa circa la possibilità di un turismo scolastico verso San Marino per evitare le vaccinazioni obbligatorie, la Segreteria di Stato per l’Istruzione precisa che l’iscrizione alle scuole sammarinesi di non residenti è regolamentata dalla Delibera del Congresso di Stato n. 48 del 30 giugno 1997.
La delibera permette alle Direzioni Scolastiche ad accogliere domande di iscrizione di alunni non residenti ma con cittadinanza sammarinese, di studenti con permesso di soggiorno e di allievi che risiedono in zone immediatamente limitrofe ai confini della Repubblica di San Marino.
Altre domande possono essere accolte, previa autorizzazione del Congresso di Stato e riguardano particolari e limitate situazioni.
Per l’anno scolastico 2017 / 2018 ci si è attenuti ai criteri sopracitati respingendo domande che presentavano situazioni e motivazioni non contemplate nella delibera del Governo.
Nella Scuola Secondaria Superiore, anche per ragioni di reciprocità con la Repubblica d’Italia sono sempre stati iscritti studenti non residenti che vivono in zone anche non limitrofe ai confini della Repubblica. In questo caso la percentuale di domande pervenute è stata in linea con gli anni precedenti.
Ritengo che su tale punto non sussista nessuna situazione emergenziale e che ogni atto sarà sempre condotto in stretta cooperazione con le autorità italiane, nel rispetto delle normative della Repubblica di San Marino e della Repubblica d’Italia.
Marco Podeschi
Segretario di Stato per l’Istruzione

COMMENTA L' ARTICOLO