Per una didattica del patrimonio archeologico sammarinese

Ben 29 classi di IV e V Elementare hanno aderito ai percorsi didattici Prima Torre e Chiesa di San Francesco

Per una didattica del patrimonio archeologico sammarinese

Internazionalizzazione: sinergie innovative e didattica di eccellenza
Storie e musiche alle Torri, terzo appuntamento
Cento aspiranti insegnanti del Titano a lezione da Giacomo Stella

San Marino. Si sono da poco concluse le attività didattiche dedicate alla Prima Torre (Guaita) e alla Chiesa di San Francesco, che gli Istituti Culturali-Musei di Stato e il Dipartimento di Scienze Umane dell’Università di San Marino hanno organizzato per e con le Scuole Elementari di San Marino. Ben 29 classi di IV e V Elementare hanno aderito ai percorsi didattici, che hanno portato più di cinquecento bambine e bambini ad attraversare e osservare, “pietra su pietra”, il centro storico di San Marino.

Il Monte Titano è il nucleo fondativo su cui si incentra la Repubblica di San Marino e, con il centro storico di Città, costituisce un peculiare paesaggio culturale in cui aspetti storici, monumentali e naturalistici sono strettamente interdipendenti e simbiotici. La Sezione Archeologica degli Istituti Culturali e il Dipartimento di Scienze Umane UNIRSM hanno di concerto pensato di proporre alle scuole sammarinesi due visite animate, supportate da schede e mappe concettuali, volte a favorire la comprensione e la lettura delle strutture murarie di due tra i più importanti edifici storico monumentali di San Marino: la Prima Torre e la Chiesa di San Francesco.

Grazie all’archeologia dell’edilizia storica è stato possibile leggere quanto ci narrano le antiche mura: una storia di persone, di famiglie, dell’impegno di una comunità – quella sammarinese – che su un monte roccioso ha costruito, formando e confermando, la propria identità. Quel Monte, quelle pietre e quelle storie sono oggi Patrimonio Mondiale dell’Umanità UNESCO e attraverso la condivisione del metodo di lettura e analisi si può avviare un racconto che costituisca un solido ponte con i secoli passati. Due diverse attività per favorire, in un’interazione tra museo e territorio, la conoscenza del patrimonio archeologico sammarinese alle nuove generazioni di cittadini, grazie alla collaborazione tra Istituti Culturali, Università e Scuola Elementare della Repubblica di San Marino.

COMMENTA L' ARTICOLO