Università: tre studenti ai vertici del premio nazionale di packaging design

L'Ateneo sammarinese conquista i primi posti con una serie di progetti per la multinazionale informatica HP; la premiazione di “OneMorePack”a Napoli

Università: tre studenti ai vertici del premio nazionale di packaging design

Università: cercasi nuova sede per Ingegneria
“Crowdfunding & Blockchain”, un evento dell’Università di San Marino
Il Rettore Petrocelli: “Rendiamo forti gli allievi, non deboli i saperi”

San Marino. Gli studenti del corso di laurea in Design dell’Università degli Studi della Repubblica di San Marino hanno monopolizzato il podio della quinta edizione di OneMorePack, concorso nazionale di packaging design rivolto a professionisti e studenti, ideato e promosso dall’industria poligrafica Grafica Metelliana, con sede in provincia di Salerno.

Proprio nella sezione dedicata a chi frequenta gli istituti superiori e le università, per la quale era richiesta la realizzazione di un progetto per la multinazionale informatica HP, il primo premio è stato assegnato a Valerio Pasqualicchio, iscritto all’Ateneo sammarinese e autore di un lavoro del quale la giuria ha apprezzato ““il design vintage, di ispirazione futurista, e lo studio che ha portato all’antropomorfizzazione delle forme, che assumono identità fisica e personalità”. Secondo e terzo posto per due studentesse provenienti dal Titano: Andrea Alice Bronzetti e Federica Fabbri, che completano una top 3 con la quale si concretizza il percorso svolto dagli studenti nell’ambito del Laboratorio di Design della Comunicazione tenuto da Lucia Roscini e Ilaria Ruggeri.

La cerimonia di premiazione del concorso è andata in scena venerdì scorso nel Complesso Monumentale Donnaregina di Napoli. Presidente della giuria tecnica era Lorenzo Marini, art director e artista con 300 riconoscimenti in bacheca tra cui il Leone d’Oro al Festival Internazionale della Creatività di Cannes: “Il packaging sta diventando momento emotivo e assicurativo – ha commentato – non è il vestito del prodotto ma qualcosa di molto vicino alla sua anima”.

COMMENTA L' ARTICOLO