“La performance nei sistemi sanitari e la salute diseguale”

L'equità della salute al centro del volume curato da Pietro Renzi e Alberto Franci per Maggioli Editore, l'ultimo libro dei docenti dell'Università di San Marino

“La performance nei sistemi sanitari e la salute diseguale”

Alan Friedman presenta il nuovo libro alla Bac
Tutti i valori morali e culturali insiti nella pubblicazione di Elisabetta Righi Iwanejko
“Soldi sporchi” presentazione del romanzo postumo di Guido Bellatti Ceccoli

San Marino. Un’analisi in grado di “valutare l’impatto dei programmi sull’equità della salute e attuare politiche sempre più efficaci in modo da ridurre le disparità riscontrabili in questo settore”. È quanto contenuto nel volume “La performance nei sistemi sanitari e la salute diseguale”, firmato per la casa editrice Maggioli Editore da Pietro Renzi e Alberto Franci, docenti del corso di laurea in Ingegneria Gestionale dell’Università degli Studi della Repubblica di San Marino.

“L’evoluzione del contesto economico e legislativo nel settore della sanità – spiegano i due accademici – stimola oggi tutti i servizi socio-sanitari a sviluppare una cultura della performance. Le iniziative attuali che riguardano questo ambito risultano principalmente orientate alla qualità, alla gestione del rischio e al contenimento dei costi prendendo però poco in considerazione una gestione orientata verso tutte le parti coinvolte nei processi assistenziali, sia interne che esterne, sulla performance dell’azienda e sull’economia sociale”.

Il testo, sottolineano ancora Renzi e Franci, vuole dimostrare che “la performance globale e integrata nella gestione delle strutture medico-sociali si rivela essenziale per una gestione collettiva e responsabile, fattore cioè di efficienza per tutti. Fornisce inoltre degli strumenti per mettere in opera la performance globale nelle aziende sanitarie, dominando la crescita della spesa, guadagnando in produttività e riducendo i costi”.
Nel libro viene infine “sottolineata la necessità di pervenire a una acculturazione dei diversi attori sull’analisi delle disuguaglianze della salute e dei suoi determinanti. Tutto ciò attraverso l’esame di particolari indici in grado di diagnosticare le diversità presenti in determinati territori. È auspicabile infatti che quest’ultima analisi possa condurre a una più agevole comprensione del trend relativo all’equità e a una migliore cognizione delle cause di queste disuguaglianze”.

COMMENTS