Segreteria Sanità: insediato il nuovo Comitato Paritetico

Il Comitato è composto da 7 membri in rappresentanza delle Organizzazioni Sindacali, dalle Associazioni Datoriali e da un rappresentante del Governo

Segreteria Sanità: insediato il nuovo Comitato Paritetico

Sanità: voi parlate, noi facciamo
CEA Squadra Corse: la sicurezza al 46° edizione del Rally
BSM sceglie le soluzioni di cyber sicurezza Juniper Networks

San Marino. Si è insediato questa mattina presso la Segreteria di Stato per la Sanità il Comitato Paritetico previsto dal Decreto 17 settembre 1999 n.94 e dalla Legge quadro in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro (Legge n.31 del 18 febbraio 1998) in merito alla formazione dei lavoratori nominati quali Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS).
Il Comitato composto da 7 membri in rappresentanza delle Organizzazioni Sindacali, dalle Associazioni Datoriali e ad un rappresentante del Governo, ha sottolineato l’importanza della figura del RLS per una piena applicazione delle norme sulla sicurezza all’ interno delle imprese.
Con l’insediamento di questo Comitato la Segreteria di Stato per la Sanità rimarca la sua attenzione sui problemi della sicurezza sul lavoro ed in particolare sul ruolo strategico della figura dell’RLS quale membro di uno dei quattro pilastri assieme al datore di lavoro, al responsabile del servizio di prevenzione e protezione e medico del lavoro, per la prevenzione degli infortuni e la tutela della salute dei lavoratori.
Ovviamente l’importante contributo che può giungere dall’ RLS è direttamente legato ad una adeguata formazione che metta in risalto la partecipazione attiva dei lavoratori, attraverso il loro rappresentante, per la promozione di luoghi di lavoro più sani e sicuri.
Il Comitato Paritetico in questa prima riunione dopo un confronto molto positivo e collaborativo ha confermato i principi e le linee di indirizzo per la definizione3 del piano formativo proseguendo il percorso già strutturato del Comitato precedente.
Il comitato ha concordato sul fatto che i piani di formazione già in essere e autorizzati in precedenza mantengano la loro validità.
I nuovi piani, che, si ricorda, devono essere presentati da ogni singola azienda per la loro validazione preliminare, potranno fare riferimento per il contenuto e il curriculum dei formatori, anche a piani generali di settori già precedentemente autorizzati a organizzazione di categoria o ad altre aziende di servizio, indicando comunque la specificità di ogni impresa.
Segreteria di Stato Sanità

COMMENTA L' ARTICOLO