I Reggenti in visita al Centro di Ricerca sull’Emigrazione dell’Università

Di Luca, direttrice della struttura: “Qui tanti sammarinesi possono trovare traccia della propria storia familiare”

I Reggenti in visita al Centro di Ricerca sull’Emigrazione dell’Università

Due studentesse dell’Università di San Marino alla Biennale dei Giovani Artisti
Siglata l’intesa fra Università di San Marino e UniSanPaolo
Progetti per il padiglione all’Expo Dubai 2020 nella Design Week dell’Università

San Marino – Il Centro di Ricerca sull’Emigrazione dell’Università degli Studi della Repubblica di San Marino ha ospitato ieri gli Eccellentissimi Capitani Reggenti, Stefano Palmieri e Matteo Ciacci, durante una visita in cui sono state illustrate e approfondite le attività della struttura, che ha l’obiettivo di ricostruire e salvaguardare la storia e la memoria dell’emigrazione sammarinese evidenziandone gli aspetti sociali, politici ed economici. Ciò attraverso iniziative come la raccolta e valorizzazione delle testimonianze e dei documenti conservati nel Museo dell’Emigrante, collocato nel centro storico del Titano, dove sono presenti una biblioteca, una cineteca e una mostra itinerante.

“I capi di Stato – spiega Patrizia Di Luca, direttrice del Centro di Ricerca sull’Emigrazione – hanno testimoniato la vicinanza a tutte le comunità dei cittadini sammarinesi residenti all’estero e ricordato una parte di storia sammarinese contraddistinta da impegno e generosità. La visita ha avuto inizio con la lettura di un brano tratto dall’autobiografia di un giovane sammarinese nato a Parigi da genitori emigrati, conservata nell’archivio del nostro Centro di Ricerca. Sono state inoltre ripercorse le fasi dell’esperienza migratoria, affrontata con coraggio e solidarietà. I Capitani Reggenti – conclude Di Luca – hanno sottolineato l’importanza di questo luogo di memoria, nel quale tanti sammarinesi possono trovare traccia della propria storia familiare”.

COMMENTA L' ARTICOLO