Attiva-Mente: “Una firma contro l’odio”

0
12

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa di Attiva-Mente San Marino

Poche settimane fa l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite con una risoluzione durante la 75/a sessione plenaria, ha stabilito che ogni 4 febbraio si celebri la Giornata Internazionale della fratellanza umana, invitando gli Stati membri a osservare quest’appuntamento promuovendo il dialogo interreligioso e interculturale, un tema che è sempre stato piuttosto caro alla Repubblica di San Marino.

Con l’approssimarsi della commemorazione della Giornata della Memoria, intendiamo contribuire al lavoro di cura e di custodia del ricordo perché quanto terribilmente avvenuto, continui a rappresentare per antonomasia l’insegnamento di principi e valori da difendere e tramandare alle nuove generazioni.

L’iniziativa “Una firma contro l’odio” che presentiamo, rappresenta la volontà di coltivare un piccolo germoglio di civiltà, cercando di stimolare riflessioni nell’ottica di analizzare talune tensioni sociali, di ricucire distanze e rapporti fra “diversi” e di individuare un argine a quelle forme di aggressività che sembrano emergere con sempre maggior evidenza anche sul web, in particolare sulle piattaforme “social”.

Quanto avvenuto negli Stati Uniti conferma come il ricorso a internet quale mezzo per l’incitamento all’odio (politico, religioso, razziale, di genere o di orientamento sessuale), imponga la messa a punto e adozione di misure e strumenti idonei per contrastare il cosiddetto “hate speech”. Un fenomeno che non solo pervade rapidamente il nostro sentire proprio per i canali dell’era digitale su cui viaggia e che oramai noi tutti utilizziamo, ma è conduttore di talune ostilità che disgregano, lacerano e radicalizzano su posizioni estreme le comunità, compresa quella sammarinese, la quale fatica anch’essa ad essere puntuale e stare al passo in termini di risposte e normative adeguate.

“L’Hate speech” rappresenta una delle nuove sfide poste dagli sviluppi della società e della tecnologia sempre più interconnessi tra loro; dinamiche in continua e rapida evoluzione, i cui effetti in assenza di contromisure rischiano di mettere a repentaglio a livello planetario la stessa salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, la democrazia e lo Stato di diritto.

Desideriamo sensibilizzare, in definitiva, i cittadini e le cittadine sammarinesi alla difesa e promozione del rispetto e del dialogo civile e della tolleranza e avanziamo, attraverso un’Istanza d’Arengo, la proposta di dotare anche il nostro Paese di un Ente preposto in grado sia di affrontare efficacemente queste tematiche che di proteggere e garantire, con riferimento a tale ambito, determinati baluardi valoriali la cui affermazione, come abbiamo visto, non è sempre scontata.