Pdcs, cordoglio per la scomparsa dell’avvocato Belluzzi

0
15

Il Partito Democratico Cristiano profondamente addolorato per l’improvvisa scomparsa dell’Avvocato Romano Belluzzi, con sincera commozione e grande affetto, esprime le più sentite condoglianze alla famiglia, nella speranza che possa essere di conforto la testimonianza di fede che l’ha sempre sostenuto nell’impegno civile e famigliare, pur nella consapevolezza che le parole non bastano per colmare il grande vuoto che ci lascia la morte del nostro amico e fondatore Romano. Romano Belluzzi è stato, il 9 aprile 1948, uno dei 12 fondatori del Partito Democratico Cristiano Sammarinese. Quel giorno il giovanissimo Belluzzi si incontrò con Calmi Domenico Marino, Gatti Antonio, Guidi Germano, Guidi Giuseppe, Morganti Antonio, Michelotti Guido, Simbeni Antonio, Tonnini Giovanni, Vinci Eugenio, Zaccaria Savoretti presso la casa di Delio Masi ad Acquaviva, dove tutto ebbe inizio. Uomo mite, sempre al servizio del Partito, vogliamo ricordarlo attraverso la forza delle sue parole espresse nel 2020 al XXI Congresso, nel quale il Partito usciva da una fase difficile che richiedeva una guida salda nei valori fondativi, e lui ci ricordò proprio quello che eravamo e quello che dovevamo continuare ad essere: “È importante continuare nella strada del rinnovamento del Partito, e continuare, come fatto in questo ultimo decennio, a proporre la nostra identità e la nostra proposta politica per il Paese alla cittadinanza che, come abbiamo riscontrato, riconosce ancora la nostra responsabilità e coerenza nell’agire. Anche i giovani sembrano trovare in essa un giusto equilibrio tra esperienza e novità. Vorrei esprimere un sincero riconoscimento a quanti con coraggio e con incrollabile umiltà ed abnegazione hanno sostenuto e sono pronti a sostenere il Partito, si sono impegnati e sono pronti a impegnarsi ancora per il bene della nostra Repubblica, mettendo da parte ambizioni personali, concentrandosi sul “noi” anziché sull’“io”, e avendo come scopo principale il benessere del suo popolo. A nome di tutti i fondatori del Partito, di cui insieme a voi vorrei fare anche oggi memoria, sono lieto di augurare a tutti voi un buon lavoro”.