Covid: riapertura scuole. Linee guida per l’anno scolastico 2020/2021

0
125

Linee guida per l’anno scolastico 2020/2021

CONGRESSO DI STATO
Seduta del: 17 AGOSTO 2020/1719 d.F.R. Delibera n.18

IL CONGRESSO DI STATO
sentito il riferimento del Segretario di Stato per l’Istruzione e la Cultura;
considerato il riscontro positivo fornito dalle competenti autorità sanitarie sammarinesi sulla condivisione delle prescrizioni sanitarie;
fine di consentire la ripresa delle attività scolastiche in sicurezza e di garantire il pieno esercizio del diritto all’istruzione e alla formazione degli studenti sammarinesi di ogni ordine e grado;
visto l’articolo 2, comma1, lettera b) della Legge Costituzionale 15 dicembre 2005 n.183;
visto il Decreto – Legge 24 luglio 2020 n.122, in particolare l’articolo 15, comma 4 e i relativi allegati;
visti gli articoli 1 e 2 della Legge 12 febbraio 1998 n.21;
adotta le seguenti Linee guida per l’anno scolastico 2020/2021 rivolte alle Scuole di ogni ordine e grado, ai Servizi Socio Educativi per la prima Infanzia e al Centro di Formazione Professionale:

1. Disposizioni generali

Le Scuole di ogni ordine e grado, i Servizi Socio Educativi per la prima Infanzia e il Centro di Formazione Professionale (CFP) riapriranno a settembre, secondo le disposizioni del Calendario scolastico, nella modalità di erogazione della didattica “in
presenza” e nel rispetto di alcune indicazioni e precauzioni finalizzate alla prevenzione di un eventuale nuovo contagio da COVID-19.
Si manterrà una particolare attenzione:
– al distanziamento personale;
– alla frequente areazione degli ambienti (almeno una volta all’ora);
– alle prescrizioni di igiene e sicurezza più comuni per gli alunni e il personale docente e non docente: lavaggio delle mani, buone prassi nello starnutire e tossire, rimanere a casa se influenzati o con sintomi febbrili;
– alla pulizia e sanificazione degli ambienti.
Nell’ottica di ridurre per quanto possibile gli assembramenti, di mantenere i gruppi di alunni il più stabile possibile e consentire così una eventuale tracciabilità nel caso di contagio, altrettanta attenzione verrà data:
– all’utilizzo degli spazi comuni ed esterni alla scuola;
– agli ingressi e alle uscite degli alunni;
– alla realizzazione delle pause per la ricreazione;
– alla gestione della refezione scolastica.

Tutti gli spazi delle scuole potranno essere destinati e utilizzati temporaneamente sia per scopi didattici sia per garantire la refezione scolastica, le merende e le ricreazioni.
Nelle aule, a partire dalla prima elementare, si adotterà un distanziamento di sicurezza pari a 1 metro fra le rime buccali degli alunni e degli insegnanti.
La temperatura degli alunni potrà essere rilevata in classe, al polso, anche tutti i giorni.
All’ingresso a scuola, al mattino, dovranno essere immediatamente igienizzate le mani.
Gli insegnanti e il personale non docente seguiranno una formazione specifica sui temi della sicurezza e della prevenzione a cura delle competenti autorità sanitarie.

2. Orari di apertura

I Servizi Socio-Educativi per la Prima Infanzia- Asili Nido Statali – osserveranno un orario di apertura dalle ore 7,30 alle ore 16,30, ad eccezione dell’Asilo Nido
“Coccinella” che osserverà il consueto orario dalle ore 7,30 alle ore 14,30.
Le scuole di ogni ordine e grado e il CFP osserveranno i consueti orari di apertura.

3. Utilizzo dei dispositivi di protezione individuale (DPI)

L’amministrazione fornirà i dispositivi di protezione individuale (DPI) a tutto il personale docente e non docente.
Per i bimbi che frequentano il Nido e la Scuola dell’Infanzia, per gli alunni della Scuola Elementare e per gli alunni con disabilità non è prescritto l’uso delle mascherine durante l’orario di attività.
Per gli alunni della Scuola Elementare è prescritto l’uso della mascherina durante il trasporto scolastico.
Gli studenti della Scuola Media Inferiore, della Scuola Secondaria Superiore e del CFP sono tenuti ad indossare la mascherina durante il trasporto scolastico e nei momenti di ingresso e uscita dalla Scuola.
La mascherina non deve essere indossata, per alcun motivo, durante l’attività fisica, i pasti e le interrogazioni orali. Laddove non sia possibile mantenere la distanza di sicurezza le interrogazioni si svolgeranno dal posto.

Gli insegnanti sono tenuti ad indossare la mascherina negli spazi comuni e in aula quando non è possibile rispettare la distanza di sicurezza.
Gli insegnanti di sostegno e gli insegnanti di classe dove sono presenti alunni con disabilità, sono tenuti ad indossare mascherine e visiere, al bisogno e secondo il tipo di disabilità presente.
Il personale non docente è tenuto ad indossare la mascherina negli spazi comuni, nelle cucine, e al bisogno quando non è possibile rispettare la distanza di sicurezza.
Persone esterne alla comunità scolastica, quali ad esempio genitori, accompagnatori, fornitori, tecnici ecc. sono tenuti ad indossare la mascherina e adottare precauzioni igienico-sanitarie.

4. Obblighi per le famiglie degli studenti

Le famiglie degli studenti sono tenute:
– ad accertarsi dello stato di salute dei propri figli al mattino prima dell’ingresso a scuola;
– a non mandare i propri figli a scuola nel caso di sintomi di malattia comune (febbre oltre i 37,5°, febbre con tosse, febbre con diarrea o vomito ecc.) e contattare immediatamente il reparto di Pediatria dell’Ospedale per chiedere una valutazione;
– a produrre un certificato medico di riammissione scolastica per assenze superiori ai 3 giorni.
Se gli alunni presentano sintomi di febbre superiore ai 37,5° durante l’orario scolastico, la scuola dopo aver contattato i genitori e affidato loro la figlia o il figlio, invierà una comunicazione anche al Reparto di Pediatria dell’Ospedale di Stato.

Il Segretario di Stato

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here