ISS: Nuovo aggiornamento dal parte del Gruppo delle emergenze sanitarie

0
53
Fattura Elettronica, semplice veloce ed economica

Il Gruppo di coordinamento per le emergenze sanitarie comunica l’aggiornamento dei dati sull’infezione da nuovo coronavirus COVID-19 alla data odierna:

  • n. 98 i casi positivi, di cui 63 ricoverati all’Ospedale di San Marino (11 in Rianimazione con sintomatologia severa – tutti di sesso maschile -, 52 nelle degenze di isolamento predisposte con sintomi moderati –  31 maschi e 21 femmine -) e 35 sul territorio e a domicilio
  • n. 7 decessi
  • n. 4 guariti
  • n. 239 quarantene domiciliari sui contatti stretti compresa la rete familiare, amicale e personale sanitario (217 laici, 18 sanitari, 4 Forze dell’Ordine)
  • n. 230 quarantene terminate

Totale quarantene attivate: 469

Il Gruppo per l’emergenza, anche a nome del Segretario di Stato alla Sanità, intende esprimere vicinanza e sentimenti di vivo cordoglio ai familiari, ai parenti e agli amici delle due concittadine, di 60 e 95 anni, che sono venute a mancare nella giornata di ieri e stamattina.

Si informa la cittadinanza che sul sito dell’ISS (www.iss.sm), nella sezione dedicata al coronavirus, sono presenti le disposizioni per la consegna a domicilio di generi alimentari da parte degli esercenti che risulteranno autorizzati.

Per chi volesse informazioni sulle raccolte fondi attivate, può fare riferimento alle indicazioni  contenute sul sito dell’ISS, oppure contattare l’Ufficio Relazioni Pubbliche inviando una mail all’indirizzo urp@iss.sm.

Per restare informati sull’emergenza da COVID-19 si ricorda di affidarsi solo alle fonti e canali ufficiali.

#iorestoacasa #proteggisanmarino

San Marino, 15 marzo 2020

Da articolo RTV:
Il Segretario Roberto Ciavatta rimarca la raccomandazione di stare a casa. Neanche le passeggiate sono consentite. Inoltre il Segretario alla Sanità chiede alla cittadinanza di non intasare le linee telefoniche delle forze dell’ordine con le domande. In caso di dubbio, deve valere l’opzione più restrittiva. Il governo sta inoltre lavorando ad un documento esplicativo per rispondere a tutte le domande.

Le sanzioni, ricorda Ciavatta, sono già state elevate a San Marino. Vanno dai 500 ai 2.000 euro per il mancato rispetto delle indicazioni del decreto. Inoltre seguono provvedimenti di carattere penale.

Ci si può infettare anche dopo la malattia? Rinaldi spiega che ancora non lo si può sapere. Si sta ancora cercando di capire, spiega, se e quanto possano durare gli anticorpi dopo il contagio e l’eventuale guarigione.

Il Segretario Ciavatta torna poi sulla mancata chiusura totale delle attività. “Oltre a chi lavora all’Ospedale – afferma – anche chi lavora in fabbrica, nei supermercati e nelle poche attività aperte sta facendo sforzi che servono alla sanità”. L’eventuale chiusura totale per tre settimane comporterebbe allo Stato una perdita di 30 milioni di euro, in un momento in cui i costi sanitari stanno crescendo. “Senza i contributi – sottolinea – non ci sarebbe più risorse da destinare all’Ospedale e alla sanità”. Nel frattempo l’Ospedale – rimarca Ciavatta come nota positiva – si sta specializzando, un’esperienza che domani rimarrà come valore aggiunto.

San Marino RTV

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here