Studio genetico sul Covid-19: già un centinaio le adesioni

0
17
epa08628309 A health worker prints labels for a sample tube at a COVID-19 test station in Deggendorf, Germany, 27 August 2020. In its efforts to control the ongoing pandemic of the COVID-19 disease caused by the SARS-CoV-2 coronavirus, Bavaria is installing a network of coronavirus test stations in all of its 71 districts and 25 free cities. EPA/PHILIPP GUELLAND

“Già oltre un centinaio le adesioni allo studio genetico sul Covid-19 a San Marino”. Lo rende noto l’Unione Sammarinese Consumatori con una nota stampa.L’Istituto per la Sicurezza Sociale di San Marino, assieme all’Università di Ferrara, ha avviato uno studio genetico sul Covid-19 e relativo alla popolazione sammarinese. Come abbiamo già avuto modo di informare la cittadinanza, si tratta di una ricerca scientifica che si pone l’obiettivo di identificare i fattori genetici (ereditari e non) che possono influenzare l’infezione da nuovo coronavirus, il Sars CoV-2, responsabile della malattia Covid-19. Lo studio in corso avrà una durata di circa 2 anni ed è rivolto alle persone maggiorenni che sono state sottoposte alla quarantena in quanto esposte al rischio infezione, sia durante la prima fase pandemica, sia durante la seconda fase attualmente in corso. È una indagine di tipo osservazionale e non farmacologica, non prevede quindi la somministrazione di farmaci. Lo studio contribuirà ad aumentare le conoscenze sulla ricettività al virus da parte delle persone e a sviluppare anche un test genetico predittivo sul rischio di contrarre o meno l’infezione. L’obiettivo è il coinvolgimento di circa 800 persone tra contagiati e non contagiati e al momento sono già stati coinvolti poco più di un centinaio di sammarinesi. La partecipazione allo studio è volontaria e non prevede compensi economici. Ci si può anche ritirare dallo studio in corso senza dover dare spiegazioni e senza alcuna penalità o conseguenze. Nello specifico viene effettuato lo studio del DNA tramite il prelievo di un campione di sangue e oltre agli aspetti legati al Covid-19, consente anche di verificare eventuali allergie a farmaci. Lo studio, interamente finanziato grazie alle donazioni della S UMS, ha ottenuto il parere favorevole del Comitato Etico per la Ricerca e la Sperimentazione di San Marino e i referenti sono il dott. Massimo Arlotti, il Prof Michele Rubini e i dottori Elena Allocca, Giulio Guerrini, Micaela Santini e
Giuseppe Tonnara. A contattare le persone idonee allo studio è direttamente l’ISS, che lo fa tramite i suoi operatori identificandosi opportunamente e nel rispetto pieno della privacy; ci si può anche candidare attivamente o chiedere informazioni, contattando il numero 0549 994158, dal lunedì al venerdì dalle 10:30 alle 14 (oppure inviare una e-mail all’indirizzo: anna.laderchi@iss.sm)”.