Badanti private in ospedale, evitare le distorsioni del passato

0
12

L’attenzione rigorosa al rispetto delle norme sull’APINS, l’assistenza privata integrata non sanitaria, all’interno dell’Ospedale di Stato, è stata massima fin da subito da parte di tutto lo staff della Segreteria di Stato per la Sanità e degli attuali vertici dell’Istituto per la Sicurezza Sociale, con interventi già durante la pandemia da Covid-19.

A partire dal febbraio 2020 infatti, pochi giorni dopo l’insediamento, il Segretario di Stato per la Sanità Roberto Ciavatta chiese formalmente alla magistratura a che punto fossero le indagini in corso su quello che era stato descritto come “Badanti gate”.

A conferma del nuovo corso impresso sull’APINS, l’ISS, già dal febbraio 2020 è stata sospesa la presenza di assistenti private non sanitarie, garantendo il servizio attraverso personale OSS in forza all’ISS. Solo in alcuni casi, su valutazione della direzione ospedaliera, è stato concesso accesso e assistenza in reparto alle badanti personali in regola e già assunte a domicilio dalla famiglia dell’assistito.

In recenti articoli apparsi su alcuni media sammarinesi, vengono riportate aspetti legati agli accertamenti da parte della magistratura e relativi a episodi che descrivono una distorsione del servizio e che si sarebbero protratte per anni. Fatti sui quali sono in corso accertamenti giudiziari e che si auspica possano trovare celermente la via del dibattimento.

Richiesta che è stata ripetuta anche un paio di mesi fa dal Segretario di Stato alla Sanità, proprio per conoscere a che punto siano le indagini e per chiedere la massima celerità possibile affinché al più presto si possa fare chiarezza.

La Segreteria di Stato e la dirigenza ISS assicurano che anche con il ritorno alla piena operatività dell’Ospedale e di tutti i servizi sanitari, saranno mantenute in vigore le disposizioni attuali, che limitano l’accesso ai reparti e che possono essere consentiti, previa valutazione, alle sole assistenti domiciliari in regola le normative vigenti.