Un anno senza il Ponte Morandi: Genova si ferma per ricordare le vittime

0
14

La messa in suffragio davanti alla nuova pila 9, il minuto di silenzio alle 11.36, le manifestazioni in città e in tutta la Liguria

Il giorno più triste per Genova, dopo mesi in cui si è tanto discusso di rinascita e ricostruzione, è arrivato: mercoledì 14 agosto 2019 è trascorso un anno esatto dal crollo del ponte Morandi, una tragedia che ha causato la morte di 43 persone, ha tolto la casa a centinaia e ha causato danni economici incalcolabili, spezzando la città a metà.

A 365 giorni dal crollo, Genova prova a lasciarsi il passato alle spalle e a ripartire. Lo fa osservando il cantiere dove un tempo sorgeva la silhouette inconfondibile del gigante progettato negli anni ’60 da Riccardo Morandi, ormai sparita del tutto dallo skyline cittadino, e lo fa seguendo da vicino i passaggi della ricostruzione del viadotto, coordinata dalla struttura commissariale del sindaco Marco Bucci.

Lo fa, la mattina del 14 agosto, rendendo omaggio alle vittime, con una cerimonia ufficiale cui partecipano anche il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il premier Giuseppe Conte, i vicepremier Matteo Salvini e Luigi Di Maio, rappresentanti del governo e e le massicce cariche della città e della regione. Alla cerimonia, officiata dal cardinale Angelo Bagnasco nel capannone in cui è sorta la prima pila del nuovo ponte, la 9, partecipano anche 185 parenti delle 43 vittime.

Speciale ponte Morandi: leggi tutto

Non tutti hanno accettato l’omaggio dello Stato. Alcune famiglie hanno preferito ricordare privatamente o in modi alternativi i loro cari perduti, ma ciò che accomuna la città, oggi, è il desiderio di rispettare la memoria di chi non c’è più fuggendo al clamore. L’unico sottofondo concesso, anche durante il minuto di silenzio previsto alle 11.36, sono i rintocchi delle campane delle chiese cittadine e le sirene del porto, che torneranno a suonare come accaduto anche il giorno dei funerali di Stato organizzati alla Fiera di Genova il 18 agosto 2018. A loro si uniranno anche i clacson dei tassisti che partecipano così al lutto. I commercianti sono stati invitati, alle 11.36, ad abbassare le saracinesche dei negozi.

Fonte e immagine Genova Today.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here