New York Times, Trump voleva fermare i migranti con i proiettili e i coccodrilli

0
8

Privatamente Donald Trump ha parlato spesso di fortificare il muro al confine col Messico con una trincea d’acqua piena di serpenti e coccodrilli, sollecitando i collaboratori a stimare i costi.

Lo rivela il New York Times citando una dozzina di dirigenti Usa.
E dopo aver suggerito pubblicamente che i soldati sparassero ai migranti se tiravano pietre, prosegue il giornale, il presidente fece marcia indietro quando gli fu spiegato che era illegale ma poco dopo in un incontro suggerì che sparassero loro alle gambe.
Sempre secondo il giornale, lo scorso marzo in una riunione nello studio Ovale Trump ordinò a suoi più stretti collaboratori di chiudere l’intero confine di 2000 km col Messico entro il mezzogiorno del giorno dopo, gettandoli nel panico. Poi fu persuaso a non farlo ma si vendicò iniziando una serie di purghe di coloro che avevano tentato di contenerlo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here