Manovra Italia: tassa cartine, congelate 140 assunzioni da La International Tobacco Agency di Carbonera

0
15

Se non sarà modificata la bozza della legge di bilancio relativa alla tassazione su cartine e filtri per sigarette, la International Tobacco Agency (Ita), società di commercializzazione di articoli per fumatori con sede a Carbonera (Treviso), comunica di ‘non poter procedere’ all’annunciato piano di 140 assunzioni nei prossimi tre anni. Lo ha comunicato oggi l’amministratore delegato, Marco Fabbrini, a capo di un’azienda da 280 addetti e che genera ricavi per circa 50 milioni, il 14% dei quali generato dalle cartine.

In base a una simulazione sui pezzi venduti lo scorso anno, infatti, i 3,6 millesimi di euro che il governo intende applicare su ciascuno di essi si trasformerebbe per Ita in 5,27 milioni di imposte.

“Non siamo contrari a misure per la riduzione del danno dovuto al consumo di tabacco – spiega Fabbrini – ma un intervento di questo genere, se non accompagnato da un rafforzamento dei controlli sul parallelo mercato illegale, non farà altro che spostare i consumatori, sui quali si riverserà il maggior peso fiscale, verso canali di vendita occulti, con ricadute sulla rete regolare che stimiamo fino al -50%”. Per questo, conclude il manager, “abbiamo scelto di congelare il piano di assunzioni, non essendovi più ragionevoli certezze rispetto alla crescita di fatturato prevista per il prossimo triennio”.

La presa di poszione dell’azienda arriva nel giorno in cui si avvia l’iter della legge di bilancio in Senato. E mentre il ministro dell’Economia non chiude a modifiche sul provvedimento, dal ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano, arriva un avvertimento.

Attenzione al messaggio ‘no tax’ che sta passando in questo Paese – dice – perché quelli che dicono ‘no tax’ mi dovrebbero spiegare il mondo che hanno in testa: scuola privata, sanità privata, accesso ai sevizi privati? Se non diciamo questo è facile dire ‘no tax'”.

Intanto sulla plastic tax arriva il monito degli industriali emiliani.  “Siamo di fronte a un calcolo frettoloso – afferma Valter Caiumi, presidente di Confindustria Emilia – per fare quadrare la manovra di fine anno, senza studi di fattibilità di cosa si colpisce e degli effetti nell’economia reale. Siamo convinti che la misura, dallo scopo assolutamente nebuloso, non risolva le questioni ambientali e vada solo a penalizzare senza possibilità di recupero consumatori, lavoratori e imprese”. E sottolinea a proposito della misura ipotizzata in manovra che così “il processo di cambiamento viene distrutto e non stimolato”. “Si tratta di un provvedimento che colpirà un comparto di eccellenza – aggiunge – quello della plastica, che è oggi messo in cattiva luce in maniera troppo semplicistica: stiamo risparmiando o demonizzando per allocare imposte che andranno a penalizzare il mondo di chi produce?”

Fonte ANSA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here