Comitato No Fusione: Lombardi se ne deve andare

0
9

San Marino. Domenica prossima, 24 febbraio, è fissato un importante appuntamento che deciderà il futuro dell’Ente Cassa di Faetano e, quale diretta conseguenza, anche le prospettive del Gruppo Banca di San Marino: al Centro Congressi dell’Hotel Palace si riunirà l’assemblea dei Soci dell’Ente Cassa di Faetano. Sono molti ed importanti i punti all’ordine del giorno.

Questo decisivo appuntamento con i Soci avverrà grazie alla determinazione del COMITATO “No Fusione” che, forte del consenso di larghissima parte dei Soci dell’Ente, ha richiesto la convocazione proponendo importanti modifiche alla “governance” (riduzione da 9 a 5 membri del C.d.A. e istituzione del sindaco unico) e introducendo nuovi criteri di incompatibilità per evitare il “balletto” di nomine – tra i vari Consigli di Amministrazione dell’Ente e delle controllate – che hanno contraddistinto purtroppo gli ultimi decenni e che hanno garantito una stabile e ben remunerata “poltrona” a molti personaggi.

Tra i punti all’ordine del giorno dell’Assemblea vi è anche la revoca dei componenti dell’attuale C.d.A. dell’Ente Cassa di Faetano (il Presidente è già dimissionario), e la successiva nomina dei nuovi membri, auspicabilmente in numero ridotto rispetto ad oggi.

Nulla purtroppo è avvenuto dopo le affermazioni pubbliche del CdA dell’Ente, che aveva confermato la totale disponibilità a rimettere il proprio mandato nelle mani dei Soci e dopo che lo stesso CdA aveva affermato che stava lavorando “senza sosta” per dare seguito alle istanze e rinnovare la “governance”. All’assemblea del 24 Febbraio i membri risultano saldamente “incollati” alle loro poltrone e l’A.D. di Banca di San Marino continua tranquillamente a ricoprire la sua carica ed a percepire la sua principesca retribuzione. Anzi, a dire il vero, qualcosa il C.d.A. dell’Ente ha fatto di concreto: due incontri per auto promozione del loro operato, uno con i Dipendenti (senza aperitivo) ed uno con i Soci (con aperitivo a buffet), peccato che entrambi gli appuntamenti siano stati molto sottotono.

Il COMITATO “No Fusione” ha lavorato con impegno e determinazione, in piena sintonia con l’A.D.A. Associazione Dipendenti Azionisti della Banca di San Marino e con l’A.M.O. BSM – Azionisti di Minoranza Organizzati, per mettere a fattor comune le idee, i progetti, le iniziative e tutto quanto necessario per rilanciare l’Ente Cassa di Faetano e le società controllate in un’ottica di profondo e reale rinnovamento, trasparenza, condivisione di idee e progetti con i Soci e con i Dipendenti della Banca di San Marino S.p.A.

Nel corso dell’Assemblea le idee e le “linee guida” promosse dal COMITATO “No Fusione” verranno condivise con i Soci dell’Ente che – finalmente, dopo decenni di “governance” autoreferenti e dirigistiche – verranno riportati al centro delle decisioni e della vita dell’Ente Cassa di Faetano, con l’unico obiettivo di salvaguardare l’autonomia e la storia di questa importante istituzione che è nella storia del Castello di Faetano e del nostro Paese.

Il COMITATO “No Fusione” ritiene che chi ha avallato – formalmente o con il proprio silenzio assenso – l’ipotesi di fusione con la Cassa di Risparmio (tra l’altro rendendola pubblica mediante comunicati stampa), la definizione di un accordo onerosissimo e pare di difficile rescissione con il Dott. Lombardi (che ha un costo spropositato per la realtà del Gruppo Banca di San Marino) e l’avvio di progetti a dir poco “bizzarri” come quello del camper adibito a “Banca Mobile”, debba dignitosamente farsi da parte ed evitare di riproporsi all’Assemblea dei Soci come qualcosa di nuovo.

Il COMITATO “No Fusione”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here