ANIS ha incontrato oggi il Congresso di Stato

“Quattro priorità e un’urgenza: Bilancio dello Stato, pensioni, IVA, relazioni internazionali e le banche. Occorre concentrarsi su queste riforme, su cui chiediamo tempi certi e risultati misurabili”

0
10

Il Consiglio Direttivo di ANIS ha incontrato questa mattina il Congresso di Stato. Si è trattato del primo momento ufficiale di confronto con il nuovo Governo dal suo insediamento, per questo motivo ANIS, consapevole dell’estrema urgenza rappresentata dalle diverse problematiche del Paese, ha ribadito la necessità di stabilire quanto prima un’agenda di lavoro per i prossimi mesi. Un percorso nel quale, come sempre, ANIS offrirà il proprio contributo di idee e competenze, portando allo stesso tempo all’attenzione della politica e di tutto il Paese le necessità e le istanze delle proprie imprese associate, che rappresentano, per investimenti e forza lavoro occupata, l’economia reale di San Marino: un sostegno a tutto il Paese nel momento di difficoltà e un vero punto di forza per il possibile sviluppo futuro. Ma lo sviluppo non può prescindere dalle importanti riforme che il Governo deve realizzare, il cui elenco è stato riepilogato anche dal Fondo Monetario Internazionale e che coincide con quanto la nostra Associazione chiede da tempo. L’obiettivo è la sostenibilità del Bilancio dello Stato e tutto ciò che vi ruota attorno, compresi i vari settori economici a iniziare da quello bancario e finanziario, che rappresenta non solo una priorità, bensì un’emergenza. Come in molti casi, ma in questo lo è ancora di più, il fattore tempo è determinante perché la crisi sta continuando a produrre costi elevatissimi che ricadono sulla collettività. Molti temi che ruotano attorno al Bilancio dello Stato e allo sviluppo economico sono correlati tra loro e per questo deve essere avviato un Piano Strategico complessivo, che, oltre all’urgenza banche, parta dalle 4 grandi priorità del Paese: la messa in sicurezza del Bilancio dello Stato, la riforma delle pensioni, l’introduzione dell’IVA e i rapporti con l’esterno, ovvero Italia e Unione Europea. A tal proposito, ANIS ha chiesto all’intero Congresso di Stato di stabilire un cronoprogramma di lavori e interventi, con tempistiche certe e risultati misurabili nel tempo, con l’obiettivo di riportare la Repubblica di San Marino tra i Paesi più virtuosi e, di conseguenza, anche più attrattivi per imprese e investimenti.

Ci aspettiamo che il Governo agisca tempestivamente, con determinazione e coraggio consapevole che un progetto serio e lungimirante per il bene collettivo richiede decisioni anche impopolari, ma capaci di incidere profondamente e nel tempo.

ANIS

San Marino, 13 febbraio 2020

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here