Dichiarazione redditi: sportello CSU dal 1° giugno

0
13

29 maggio 2020. Lo sportello redditi della CSU, che ogni anno dà assistenza fiscale a 7.500 famiglie, apre in sicurezza da lunedì 1 giugno. In pieno rispetto delle linee guida anti-contagio e per evitare assembramenti l’accesso al servizio è possibile solo su appuntamento, chiamando i numeri:  0549/962011 o 0549/962012.

E’ indispensabile rispettare rigorosamente l’orario concordato e presentarsi muniti di mascherina e guanti.

Il servizio è gratuito per gli iscritti con redditi inferiori ad € 10.000,00.  Per i contribuenti iscritti, con reddito superiore ad € 10.000,00 è previsto un contributo minimo di €. 5,00, mentre per i non iscritti viene applicato un apposito tariffario esposto alla ricezione. E’ possibile iscriversi alle Confederazioni Sindacali anche in occasione della dichiarazione dei redditi.

Occorre presentarsi presso gli uffici della CSU, in via Cinque febbraio 17 (al primo piano del Central Square), con la tessera di iscrizione e il codice IBAN.

Ricordiamo la documentazione necessari:

– Copia di un Documento di Identità (Patente o Carta d’Identità) in corso di validità.

– Rendita Catastale (in caso di necessità è possibile richiederla direttamente presso gli uffici CSU).

– Modello IGR “G” da Lavoro Dipendente o da Pensione anno 2019 (se già in possesso).

– Certificazione Unica (ex CUD) per i Residenti e i Soggiornanti che lavorano in Italia.

– Certificazione Redditi Diversi anno 2019 (Indennità Economiche I.S.S., Gettoni di Presenza, Compensi per Incarichi e Funzioni Varie, Compensi da Collaborazioni, Compenso Amministratori e qualsiasi altro Reddito tassato o non tassato).

– Certificazione Redditi Prodotti all’Estero di qualsiasi natura (Terreni, Fabbricati, Pensioni Estere, Redditi da Capitale, ecc.). Se già tassati in Italia copia pagamento imposte (Mod. F24) ed eventuale Mod. UNICO o Mod. 730 ecc.

– Contratti e relative Ricevute in relazione a Canoni di Locazione percepiti per l’affitto di immobili.

Inoltre, tutta la documentazione relativa alle passività deducibili e oneri detraibili. La CSU consiglia fin d’ora di non attendere gli ultimi giorni utili, onde evitare che si formino lunghe file di attesa.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here