Zeppa, in Consiglio, sulle responsabilità di Celli

0
12

San Marino. Un lungo dibattito ha caratterizzato, oggi, in Consiglio, il comma dedicato alle dimissioni di Celli. Solo il gruppo di Rete non è mai intervenuto, continuando idealmente quell’ostracismo già manifestato quando l’ex segretario e ora ex consigliere, aveva preso la parola, nel gennaio scorso, sulla sentenza Asset. In quel momento non lo ritennero degno neppure di essere ascoltato, visto che era stato uno degli artifici principali della liquidazione di quella banca, e se n’erano andati dall’aula. Oggi, lui assente, non hanno speso una parola su di lui, affidando al silenzio un significato politico molto forte. Solo al termine, Matteo Zeppa, a nome del gruppo, ha espresso una posizione che suona come una lapidaria sentenza.

Il movimento RETE ha inteso non intervenire sulle dimissioni di Simone Celli dal ruolo di consigliere perché le ritiene un atto dovuto, avvenuto con ampio ritardo. Abbiamo ritenuto inutile dilungarci sulla sua inadeguatezza, ampiamente denunciata in questi due anni e culminata nelle sue squilibrate posizioni tenute in aula con aria di sfida, come a redarguire il Consiglio che, chi lo ha consigliato nelle sue scelte, ci sta ancora controllando. Sono note le sue attività che continuano incessantemente anche in questi giorni: prima di dimettersi aveva minacciato Banca Centrale e un magistrato, dicendo in camera caritatis che avrebbe usato tutte le sue forze per rovinarli. Simile minaccia l’aveva rivolta in aula, di fronte a tutti i consiglieri, contro il suo successore alla Segreteria Finanze, Eva Guidi. Siamo certi che userà tutte le sue forze per “farla pagare” a chi lo ha ostacolato. Fino a fomentare magari l’apertura di fascicoli su denunce anonime, perché poi la faccia è sempre difficile mettercela per chi nasconde la sua debolezza e le sue insicurezze, con l’abito della prepotenza. I danni provocati al paese li pagheremo noi cittadini negli anni a venire. La situazione catastrofica e straordinaria ingenerata sarà un pesante fardello per il futuro e crediamo che Simone Celli abbia gravi responsabilità come le hanno coloro che, al suo fianco, avrebbero dovuto fermarlo ma o non hanno trovato il coraggio, o non ne avevano l’intenzione. Speriamo solo che il governo che lo ha sostenuto fino a ieri, non pensi di ripulirsi la coscienza allontanando un capro espiatorio all’interno di un organismo che opera sempre e comunque in maniera collegiale! Non ci dilunghiamo oltre: resta da dire a chi gli è rimasto vicino di prendersi cura di lui, perché crediamo ne abbia bisogno. Sarà la storia a stabilire chi lo ha guidato nelle decisioni e quale fine ultimo abbia voluto perseguire. Noi oggi dobbiamo solo prendere atto di dimissioni tardive che non potevano non arrivare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here