Incontri bilaterali Italia-San Marino, per il Pdcs si tratta di un traguardo storico

0
17

Questa settimana sarà, senza dubbio, ricordata come un traguardo significativo nella storia recente della nostra Repubblica.

Con questi incontri bilaterali, alla presenza delle massime cariche dello Stato, San Marino ha messo un ulteriore punto fermo nello storico rapporto di amicizia con la vicina Italia, consolidando e rafforzando le relazioni da sempre esistenti, e portando sul tavolo nuove sfide che coinvolgono entrambi i territori per futuri interventi di collaborazione e cooperazione.

Una settimana che si è aperta con gli incontri tra le Segreterie di Stato alle Finanze, Affari Esteri, Lavoro e Giustizia con gli omologhi ministri italiani, durante i quali sono state perfezionate nuove intese su alcune questioni di cruciale importanza per entrambi i Paesi: dal tema delle dogane e delle accise a quello delle confische; dalla fatturazione elettronica al caso targhe e alla gestione delle sanzioni. Inoltre, alcuni aspetti riguardanti i rapporti internazionali e la possibilità di siglare un memorandum di intesa sul lavoro frontaliero.

La conclusione degli incontri, terminati nella giornata di oggi con il vertice tra la Segreteria di Stato per l’Industria e alla Sanità, si aggiungono agli incontri avvenuti nei primi giorni di maggio tra la Segretaria di Stato per l’Istruzione e al Turismo con gli omologhi ministri italiani.

Vero punto d’orgoglio è però rappresentato dagli incontri tra gli Eccellentissimi Capitani Reggenti Gian Carlo Venturini e Marco Nicolini e una delegazione del nostro Governo, con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il Presidente del Consiglio dei Ministri Mario Draghi.

L’accoglienza tributata dalle massime cariche dello Stato italiano ai nostri rappresentanti istituzionali certifica ancora una volta il valore che viene attribuito all’amicizia con San Marino.

Il Partito Democratico Cristiano Sammarinese si rallegra ed esprime soddisfazione per ciò che gli incontri di questa settimana rappresentano: la ripresa, con nuovo vigore, dei rapporti con lo storico amico ed alleato italiano, nella consapevolezza che entrambi gli Stati possano trarre reciproco vantaggio da nuove forme di collaborazione e che proprio la cooperazione costituisce la chiave per il superamento delle criticità economiche e sanitarie legate alla pandemia.

La Repubblica di San Marino si mostra capace di rapportarsi in maniera autorevole, lungimirante e propositiva con l’Italia, come non accadeva da molto tempo: condizione fondamentale ed imprescindibile per la crescita del nostro Paese, anche nella prospettiva della ripresa dei negoziati relativi all’accordo di associazione con l’UE.