“Riflessioni” di prof. Giancarlo Elia Valori – Il suicidio di John McAfee: internet e teorie del complotto

0
12

“Riflessioni” di Prof. Giancarlo Elia Valori, Cavaliere del Lavoro, Honorable de l’Académie des Sciences de l’Institut de France, President of International World Group

a cura di Alberto Rino Chezzi

Secondo alcune indiscrezioni, il suicidio dell’evasore fiscale, sostenitore di bitcoin e pioniere del software antivirus John McAfee (1945-2021) – britannico naturalizzato statunitense – ha suscitato, al contempo, cordoglio e nuove teorie del complotto.

Dopo aver evaso le tasse e dribblato le autorità statunitensi per molti anni, un tribunale spagnolo aveva ordinato – in prima istanza – l’estradizione di McAfee poche ore prima che venisse trovato morto. Se fosse stato estradato, il 75enne avrebbe dovuto affrontare l’ergastolo negli Stati Uniti d’America.

L’ex dipendente e informatore della National Security Agency, Edward Snowden ha criticato l’influenza globale delle forze dell’ordine statunitensi e ha avvertito che la fine prematura di McAfee potrebbe non essere l’unica. Ha scritto su Twitter: «L’Europa non dovrebbe estradare coloro che sono accusati di crimini non violenti in un sistema giudiziario così ingiusto – e un sistema carcerario talmente crudele – al punto che gli accusati in un procedimento giudiziario negli Stati Uniti d’America preferirebbero morire piuttosto che esserne soggetti».

Il fondatore di Cardano – un progetto open source legato alle criptovalute che punta alla realizzazione di una piattaforma pubblica blockchain (un registro digitale le cui voci sono raggruppate in “blocchi”, concatenati in ordine cronologico, e la cui integrità è garantita dall’uso della crittografia) per la gestione dei protocolli informatici che facilitano, verificano, o fanno rispettare, la negoziazione o l’esecuzione di un contratto, permettendo talvolta la parziale o la totale esclusione di una clausola contrattuale (smart contract), Charles Hoskinson, ha elogiato McAfee per il suo contributo all’informatica, definendolo «una delle persone più misteriose e interessanti nella storia della criptovaluta e dell’informatica». «È anche una persona profondamente turbata», ha aggiunto Hoskinson, sottolineando il trauma personale ben documentato di McAfee per i suoi problemi di abuso di sostanze.

«Il motivo del suicidio sembra essere evidente: McAfee aveva 75 anni e l’estradizione negli Stati Uniti d’America era probabile. Se ritenuto colpevole, avrebbe dovuto affrontare più di trent’anni di carcere ed è certo che sarebbe stato anche incarcerato […] Sembrava piuttosto deciso a scegliere di porre fine alla sua vita in una prigione spagnola invece che in una statunitense».

L’influencer e podcaster di Bitcoin, Anthony Pompliano, ricorda che McAfee era «gentile, divertente e molto intelligente».

«Una volta ho avuto l’opportunità di trascorrere una giornata con il mitico McAfee su una barca alle Bahamas. Ricorderò sempre quel giorno. Nutro un rispetto unanime per una delle persone più uniche al mondo».

Kim Dotcom – imprenditore e informatico tedesco con cittadinanza finlandese – è un imprenditore di Internet che sta combattendo le accuse di estradizione della Nuova Zelanda attraverso la sua rete di file sharing Megaupload. Si rammarica che l’abuso di droghe di McAfee lo abbia privato del suo potenziale. Ha detto: «È stato un pioniere della sicurezza dei dati. Ho sempre pensato che fosse troppo difficile per lui stare assieme ad altre persone. Avrebbe dovuto evitare di drogarsi e invece concentrarsi sull’usare sempre la sua ingegnosità. Quando lui era lucido, era dedito alla libertà di ognuno».

Sebbene il rappresentante legale di McAfee in Spagna abbia detto alla Reuters che McAfee si sia suicidato, preferendo l’impiccagione piuttosto che affrontare l’ergastolo, è prevedibile che internet sia pieno di teorie cospirative che affermano che McAfee non sia morto per mano sua.

Poco dopo che l’account Instragram ufficiale di McAfee ha condiviso l’immagine della lettera “Q”, si sono sollevate polemiche e illazioni, accendendo la fantasia dei teorici della cospirazione di QAnon, secondo la quale esisterebbe un’ipotetica trama segreta organizzata da un presunto Deep State (identificabile in alcuni poteri occulti) che avrebbe agito contro l’ex presidente degli Stati Uniti d’America, Donald Trump, e i suoi sostenitori.

Business Insider ha riferito che gli influencer di QAnon su Telegram hanno centinaia di migliaia di follower e stanno condividendo post che sospettano storie di suicidio.

I tweet di McAfee sono stati ripubblicati dal giorno della sua morte, e uno di questi risale al dicembre 2019, quando McAfee sosteneva che il governo aveva minacciato di assassinarlo, per cui oggi sono molti a non credere ad alcuna versione del suo suicidio.

Altri teorici della cospirazione hanno seguito un post del giugno 2019 in cui affermava di avere un tesoro di dati di 31 TB e oltre contenenti prove di corruzione del governo.

Ogni eccentrico milionario che litiga con il governo afferma di avere prove di corruzione, e se la tragedia li colpisce, tutto sarà reso pubblico. Alla fine la tragedia cade su molti di loro, ma le prove non sono mai consegnate ai media, come spesso al contrario capita di vedere nei film d’Oltreatlantico.

Vale la pena ricordare che McAfee non era estraneo a dichiarazioni audaci e strane, inclusa la promessa che se il prezzo di Bitcoin non avesse superato un milione di dollari statunitensi entro il 2021, avrebbe divorato i suoi sostenitori sulle televisioni nazionali.

Nelle ultime settimane di vita anche i tweet di McAfee in carcere erano diventati sempre più cupi. Nel maggio 2021, ha rivelato di aver discusso del suicidio con un compagno di cella: «Oggi una persona che sta affrontando una situazione difficile mi ha chiesto se conosco un metodo di suicidio indolore. Ho poca esperienza in questo campo e non sono molto disponibile. Sorprendentemente, il tono della discussione poi è scivolato nel come impiegare il tempo». Vale la pena notare che l’uomo d’affari non aveva motivi particolari per il suicidio. Il fatto è che la decisione del tribunale spagnolo sull’estradizione non era definitiva, quindi McAfee avrebbe potuto successivamente provare ad appellarsi a tale decisione. È allarmante in questa storia che anche lo scorso autunno McAfee abbia dichiarato che non si sarebbe suicidato in nessuna circostanza.

Javier Villalba, un avvocato spagnolo di McAfee, ha detto alla Reuters che ha creduto che McAfee semplicemente non potesse tollerare di essere rinchiuso: «Questo è il risultato di un sistema crudele. Non c’è motivo per cui questa persona anziana rimanga in prigione così a lungo».

Negli Stati Uniti le teorie del complotto sono in piena fioritura. Forse meno persone credono nella “cospirazione lunare” che, dopotutto, è un argomento di orgoglio nazionale. Il resto delle storie sono simili: vaccinazioni e HIV: una cospirazione di aziende farmaceutiche; riscaldamento globale; una cospirazione di climatologi; Kennedy è stato ucciso dai servizi speciali; hanno anche messo in scena gli attentati dell’11 settembre e i massacri nelle scuole, ecc.

Anche la storia di Bill Gates e del chipping circolatori grazie ai vaccini COVID-19 ha venduto bene: secondo gli ultimi sondaggi, il 44% dei membri del Partito Repubblicano ci crede.

Il problema è che tali opinioni – a volte ingenue, a volte strane e a volte selvagge – hanno spesso delle conseguenze. Alcune persone pensano che le torri 5G stiano davvero diffondendo il coronavirus e vanno a bruciarle. Altri si rifiutano di vaccinare i bambini, e così massicciamente che l’OMS lo ha incluso per la prima volta nell’elenco delle minacce alla salute umana. Con l’avvento del vaccino COVID-19, questo potrebbe diventare un problema ancora più grande.

È vano pensare che le teorie del complotto riguardino qualcun altro, e non le persone più intelligenti, e sicuramente non riguardino te e il tuo ambiente. Un sondaggio del 2018 ha dimostrato che il 67% dei russi crede in un “governo mondiale” segreto (nel 2014 era il 45%), e di questi il 68% ha un’istruzione superiore.

Le teorie della cospirazione non sono una storia coerente a cui credere o meno. Piuttosto, è una moltitudine di interpretazioni di fatti individuali , ognuna delle quali può occupare qualsiasi posto su una scala che va dalla pura assurdità all’evidenza scientifica. Qualcuno potrebbe considerare incredibile la schiavitù dell’umanità da parte degli alieni, ma si oppone alla vaccinazione – o viceversa.

Tra fatti scientifici ed esplicite teorie del complotto, c’è un’ampia zona grigia, all’interno della quale per ognuno di noi c’è una spiegazione del tutto logica del mondo, che a qualcun altro sembrerà una teoria del complotto.

La nostra immagine del mondo è influenzata da impostazioni piuttosto antiche del cervello e della psiche. Essa è influenzata da impostazioni arcaiche del cervello e della psiche: rilevatore di intenti apparenti e non sostanziali, paura dell’incertezza, generazioni di storie e sfiducia verso gli estranei.

Quando il soggetto si confronta con lo stress dovuto a circostanze esterne, il pensiero corre il rischio di diventare più cospiratorio, e quindi a sviluppare le succitate quattro caratteristiche.

Giancarlo Elia Valori