MotoGP, GP di Austria 2019: Dovizioso vince a Spielberg, Marquez 2° e Rossi 4°

0
20
Italian rider Andrea Dovizioso of the Ducati Team steers his motorcycle followed by Spain's rider Marc Marquez of the Repsol Honda Team during the MotoGP race at the Austrian motorcycle Grand Prix at the Red Bull Ring in Spielberg, Austria, Sunday, Aug. 11, 2019. (ANSA/AP Photo/Kerstin Joensson) [CopyrightNotice: AP]

Duello fenomenale nel finale dello Spielberg: Dovizioso vince con la sua Ducati dopo una serie di sorpassi e controsorpassi mozzafiato con Marquez. Statistiche: l’italiano e lo spagnolo sono sul 7 a 7 nel computo dei duelli che li ha visti protagonisti. La dedica di Andrea è per Luca Semprini. Quartararo terzo. Ottima gara in rimonta per Rossi: da decimo a quarto dopo la caduta di Miller. A terra anche Rabat. Settimo Bagnaia

Andrea Dovizioso su Ducati ha vinto il GP di Austria sul tracciato di Spielberg. Una gara spettacolare, con un finale da vero batticuore. Il poleman Marc Marquez parte bene, ma poi perde il comando per un lungo in curva 1. In testa passa Quartararo che poi viene superato da Dovizioso. Il pilota della Ducati subisce il ritorno dello spagnolo della Honda e con lui dà vita a un grande duello. Marc comincia ad imprimere il suo ritmo forsennato fino a nove giri dal termine, quando DesmoDovi apre tutto il gas e si rimette al comando, riuscendo a tenere testa all’alieno di Cervera fino alla incredibile sequenza di sorpassi e controsorpassi che ha inchiodato tutti fino alla bandiera a scacchi. Dovi è così tornato a vincere dopo il Qatar e lo ha fatto in una gara iperveloce e condotta con grande grinta e intelligenza. L’italiano e lo spagnolo ora sono sul 7 a 7 nel computo dei duelli che li ha visti protagonisti. Sul podio, per la terza volta in top class, va invece Quartararo. Ottima rimonta per Rossi: dopo essere partito dalla decima casella, il pilota della Yamaha si piazza quasi subito in quinta posizione e poi scatta al quarto complice la caduta di Miller (che la Pramac confermerà nel 2020). Quinto Vinales, settimo Bagnaia.

“Mi sembrava impossibile – ha detto nell’immediato post gara – non riuscivo a frenare come Marquez ma ho voluto provarci. Avevo una buona sensazione, mi sentivo molto forte in quel momento, quando siamo arrivato all’ultima curva. In passato ci ho pensato forse tropppo, questa volta ho fatto qualcosa di pazzo e ha funzionato. Sono molto contento per il team e per Luca (Semprini, scomparso di recente, ndr)”.

Fonte SKy sport

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here