Giustizia, pronti a completare il pacchetto giustizia

0
55
Fattura Elettronica, semplice veloce ed economica

Il Segretario di Stato per la Giustizia Massimo Andrea Ugolini è intervenuto oggi nella tradizionale Conferenza Stampa del Congresso di Stato per presentare la prosecuzione dell’iter che porterà alla riforma del codice di procedura penale e alla stesura del testo di legge sull’astensione e ricusazione.

La riforma del codice di procedura penale approvata dalla Commissione I interviene su temi rilevati nel tempo come “critici”, il lavoro presentato è di altissimo livello ed è frutto dell’impegno di persone esperte e qualificate, magistrati, giuristi, professori universitari oltre che dal Presidente dell’Ordine degli Avvocati e dei Notai della Repubblica di San Marino. A coordinare i lavori il Dirigente del Tribunale e Presidente Emerito della Corte di Cassazione Giovanni Canzio.

Il codice che viene riformato risale alla fine del 1800, non è difficile dunque comprendere come un aggiornamento fosse divenuto necessario. Viene introdotto il tema della “particolare tenuità del fatto”, viene ampliata la parte relativa ai decreti penali in fase inquirente, viene introdotto il patteggiamento che non era presente nel nostro e interviene sul regime cautelare. Si introduce inoltre il tema del terzo grado di giudizio, un’istanza di mera legittimità che non era presente nel nostro ordinamento. Il primo intervento sul tema all’interno del Consiglio Grande e Generale, da parte dello stesso Segretario di Stato per la Giustizia, è datato giugno 2020 e spiegava l’importanza di tale innovazione in uno Stato di diritto e la necessità di introdurla nella procedura penale.

Il progetto di legge sulle “astensioni e ricusazioni” introduce la possibilità di astenersi per i giudici e dettaglia in maniera precisa la procedura e i tempi dell’iniziativa.

Il Segretario di Stato per la Giustizia Massimo Andrea Ugolini ha spiegato anche come il Congresso di Stato sia al lavoro sul tema della sicurezza del territorio e dei cittadini e stia valutando ogni possibile ambito di intervento per continuare a garantire ai sammarinesi la serenità che ha da sempre contraddistinto la Repubblica di San Marino.