La Repubblica di San Marino celebra il 30° anniversario della memoria e dell’eredità di Ayrton Senna e nel ricordo di Roland Ratzenberger

0
15

Presentate questa mattina alla stampa le iniziative per la celebrazione del “30° anniversario della memoria e dell’eredità di Ayrton Senna” e quelle per il ricordo di Roland Ratzenberger che la Repubblica di San Marino ospiterà dal 27 aprile all’1° maggio prossimi.

Nella cornice di San Marino Outlet Experience sono intervenuti il Segretario di Stato per il Lavoro e lo Sport della Repubblica di San Marino Teodoro Lonfernini, il Presidente della Federazione Auto Motoristica Sammarinese Paolo Valli, il Capo della Segreteria politica della Presidenza della Regione Emilia- Romagna Giammaria Manghi, il Sindaco di Imola Marco Panieri, il Presidente Formula Imola Giancarlo Minardi e il Direttore dell’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari di Imola Pietro Benvenuti.

Le celebrazioni sono parte di un programma globale di tributo ai 30 anni di eredità di Ayrton e si inseriscono nell’ambito delle celebrazioni del 40° anniversario relazioni ufficiali tra San Marino e Brasile. Per presentare il progetto è intervenuto l’Ambasciatore di San Marino in Brasile Filippo Francini mentre l’Ambasciatore del Brasile nella Repubblica di San Marino Renato Mosca ha inviato un video saluto.

Ad impreziosire la presentazione odierna l’intervento di saluto da remoto di Bianca Senna, CEO di Senna Brands e nipote del tre volte campione del mondo.

Il nome della Repubblica di San Marino è legato a doppio filo al mondo dei motori e alla storia sportiva e umana di Ayrton Senna e Roland Ratzenberger e a Imola dove per 26 anni si è corso il Gran Premio di San Marino di Formula Uno.

 

SENNA 30 YEARS

Il programma di eventi e celebrazioni – ideato dalla Segreteria di Stato per il lavoro e lo Sport in sinergia con Fondazione Senna, Regione Emilia-Romagna, Comune di Imola e Fams e coordinato dall’agenzia MOAB – si apriranno ufficialmente il prossimo 27 aprile quando alle 21 il giornalista di Sky Sport e conduttore del programma Race Anatomy Fabio Tavelli presenterà sul palco del Teatro Titano “L’ultimo viaggio di Ayrton” il suo monologo dedicato alla storia del campione brasiliano. Un racconto scritto e pensato attraverso la lettura di numerose fonti e la raccolta di testimonianze. Il giornalista è intervenuto in conferenza stampa con un video messaggio. L’ingresso allo spettacolo è gratuito.

Da quella stessa sera fino all’1 maggio, le Tre Torri della Repubblica di San Marino si illumineranno con i colori della bandiera del Brasile e dell’iconico casco di Ayrton Senna mentre sulla facciata di Palazzo Pubblico, in Piazza della Libertà, verranno proiettate immagini della carriera dei due piloti.

Il 28 aprile si correrà invece la “Titano Trail Run, Senna 30 Years” evento realizzato nell’ambito della manifestazione “Energika” con partenza e arrivo al Campo Bruno Reffi di San Marino dove è collocato il busto dedicato al brasiliano. Sono previsti tre percorsi su distanze diverse aperti a tutti, dai runner ai camminatori: trail medio (24 km), trail corto (13,5 km) e trail urbano (4 km) con partenza alle ore 10:00. Ai partecipanti verranno distribuite t-shirt celebrative con il logo dell’iniziativa.
Alle 11.30 davanti al busto di Ayrton Senna è previsto un momento istituzionale di commemorazione mentre alle 12 tra la prima e la secondo torre, sulla “slackline”, sarà onorata la memoria e il ricordo di Senna con una bandiera celebrativa di 40 mq. Le iniziative della giornata proseguiranno nel pomeriggio con attività sportive e di intrattenimento. Dalle 15:00 Live music rotation stage, dove 50 componenti a rotazione saliranno sul palco per portare in scena i più grandi successi del rock.

Andrea Cicchetti, CEO MOAB
“E’ un onore e un piacere poter affiancare la Repubblica di San Marino insieme a Regione Emilia-Romagna e Comune di Imola come MOAB in questo percorso nel ricordo di Ayrton Senna e Roland Ratzemberger. A distanza di 30 anni dall’accaduto conservo le emozioni di quei momenti che sono ancora da stimolo per compiere un percorso univoco che lega Imola a San Marino e viceversa che ci ha portati a raccontare il mito di due uomini prima che campioni”.

Teodoro Lonfernini: “E’ un onore testimoniare la vicinanza ad un’icona che, con la sua personalità che va oltre l’aspetto sportivo, ha saputo avvicinare i popoli. A trent’anni dalla sua scomparsa rendiamo onore ad Ayrton Senna, la cui figura ha un valore molteplice, rappresenta il filo rosso che unisce la Repubblica di San Marino e la città di Imola e che ci ha donato la possibilità di continuare a dialogare. Questo anniversario coincide anche con i 40 anni di relazioni economiche e diplomatiche stabili con il Brasile.  Per rendere omaggio a Senna ci saranno una serie di appuntamenti, a cominciare dal monologo teatrale del giornalista Sky, volto della Formula 1, ed amico Fabio Tavelli. La Repubblica di San Marino, attraverso Poste e Divisione Filatelica e Numismatica, dedicherà anche un francobollo ed un annullo alla figura di Senna”.

Filippo Francini: “Abbiamo inaugurato la ricorrenza dei 40 anni di relazioni stabili con il Brasile attraverso la mostra di Kobra, che apre anche le celebrazioni per l’anniversario della morte di Senna. C’è, per esempio, la fotografia di uno dei molti murales che l’artista ha dedicato a Senna. Più che la scomparsa, vogliamo celebrarne la memoria e l’eredità sportiva. Senna ci ha regalato un patrimonio di grandi imprese, legate anche a San Marino. Anche con Imola c’è un legame molto forte, che sarà sancito con l’emissione di un altro francobollo”.

Marco Panieri: “Lo stretto rapporto tra Repubblica di San Marino, Regione Emilia – Romagna e comune di Imola si traduce in un gioco di squadra, del quale fa parte anche l’autodromo, per mettere al centro il ricordo di un personaggio molto significativo, in pista come nella vita. Sarà una staffetta di immagini, colori ed iniziative. A Imola questo percorso si è avviato ieri, con il WEC, e proseguirà sino al weekend del Gran Premio di Formula 1. Se oggi abbiamo un Gran Premio, è proprio grazie al lavoro che è stato fatto negli anni passati con la Repubblica di San Marino”.

Giammaria Manghi: “Il rapporto fattivo e costruttivo con la Repubblica di San Marino è tangibile anche all’interno della Motor Valley, nell’organizzazione del Gran Premio di MotoGP e nel passaggio del Tour de France che accomunerà i nostri Paesi. Anche noi, come Regione, ci siamo uniti a queste iniziative nel ricordo di Ayrton Senna e Roland Ratzenberger, due figure legate alla memoria del nostro territorio e di un evento di grande pregio che abbiamo poi perso ed in seguito riconquistato”.

Giancarlo Minardi: “Dal 1981 al 2006 San Marino è stato un partner importate per l’autodromo di Imola, una collaborazione che ho vissuto in prima persona. Questa unione si rinnova nel ricordo di Ayrton che, personalmente, sento ancora vivo tra di noi. Con le modifiche al regolamento che sono state introdotte a seguito di quello che ricordo come il weekend più brutto della mia vita, ha reso possibile una svolta radicale per gli organizzatori e i costruttori. È stupendo che queste celebrazioni cadano tra due appuntamenti come il WEC e il Gran Premio di Formula 1”.

Paolo Valli: “I 23 anni di Gran Premio di Formula 1 hanno lasciato un segno fortissimo nella FAMS, ci hanno permesso di crescere in termini di passione e impegno. Dalle situazioni che oggi commemoriamo, sono nati momenti di riflessione che hanno portato ad una maggior sicurezza nel motorsport. Con la FIA abbiamo lavorato per innalzare l’asticella a livello di sicurezza per piloti e spettatori”.

Pietro Benvenuti: “Quello che abbiamo cercato di fare, tutti insieme, è un riconoscimento, e non uno sfruttamento, della figura di Ayrton Senna. Senna era prima di tutto un uomo, che abbiamo apprezzato come pilota. Ci sentiamo una responsabilità enorme addosso. Ricordare ciò che è stato Senna è un dovere, affinché certi valori possano essere trasmessi ai giovani. Come autodromo di Imola dal 1° maggio apriremo il circuito a tutti con una camminata che culminerà alle 14:57 con un momento istituzionale per ricordarne la morte. Seguiranno tante altre iniziative, tra cui una in occasione del Gran Premio di Formula 1, di cui non posso svelare ancora molto, con una macchina che fu guidata proprio da Senna”.