In Consiglio la relazione dell’Authority e del Comitato di Bioetica

0
93

San Marino. Il Comitato sammarinese di biotica e l’Authority sanitaria, le loro attività, al vaglio del dibattito odierno in Consiglio Grande e Generale. Nella seduta odierna infatti, il  Segretario di Stato per la Sanità, Franco Santi, ha portato all’attenzione dell’Aula la relazione sulle attività del Csb nel triennio 2014-2017 e poi la Relazione annuale del Congresso di Stato sull’attività dell’Authority per l’autorizzazione, l’accreditamento e la qualità dei servizi sanitari, socio-sanitari e socio-educativi per il 2017 e il 2018.

Rispetto al ruolo del Comitato di Bioetica è stato espresso apprezzamento bipartisan. Diversa l’opinione tra governo-maggioranza e opposizione rispetto le due richieste avanzate dall’organismo, per due modifiche al suo Regolamento, in modo che si possano prevedere gruppi di lavoro con rimborso spese e gettone e che si possa istituire un’autonoma segreteria tecnico- scientifica, rispetto quella comune con l’Authority sanitaria. Il Segretario Santi infatti si dice non contrario alla prima richiesta, se il costo rientra nel budget previsto per il comitato, mentre sulla seconda assicura che il recente ampliamento dell’organico dell’Authority garantisce di seguire nel modo migliore anche l’attività del comitato. “Anche da un punto di vista di ottimizzazione della spesa e di sostenibilità della struttura- riconosce- è bene cercare di sfruttare quello che in questo momento abbiamo, senza appesantire la spesa pubblica”. Pasquale Valentini, Pdcs, invece sostiene la richiesta di una segreteria propria, in quanto corrispondente all’esigenza di “una maggiore autonomia operativa”. “Mi spiacerebbe sentire- aggiunge- che per problemi di spending review queste cose non si debbano fare”. Giuseppe Maria Morganti, Ssd, assicura che la richiesta di una segreteria tecnica autonoma non nasce dalle percezione di una mancata autonomia nella gestione del Comitato. E ritiene che “Aprire un nuovo ufficio in questo frangente, nonostante l’importanza strategica, risulti una richiesta probabilmente eccessiva”.

A fine dibatitto, il Pdcs presenta un Ordine del giorno che va incontro alle richieste del Csb e che “impegna il Congresso ad apportare al regolamento del Comitato le opportune modifiche, per rendere possibile l’istituzione di un’autonomia della segreteria tecnico-scientifica e l’istituzione dei gruppi di lavoro di esperti, prevedendo la necessaria copertura di spesa”. L’Odg del Pdcs viene per respinto con votazione palese.

Nel dibattito successivo sull’Authority, l’opposizione mette sotto la lente i numeri relativi ai controlli effettuati sulle strutture sanitarie, ritenendoli insufficienti: nel 2018, a fronte di 63 strutture sanitarie private, di cui due banche per la crioconservazione, le ispezioni sono state 16. “Siccome non è un settore di poco conto e su cui noi veniamo misurati – puntualizza Valentini, Pdcs – un guaio diventa un problema di credibilità internazionale per San Marino, perciò dovremo essere più rigorosi di tutti gli altri”. Denise Bronzetti, Ps, sollecita il Segretario a presentare l’atto organizzativo dell’Iss:  “Ogni organo, anche l’authority dovrà necessariamente adeguarsi a quello che lei intende essere un nuovo atto organizzativo”. In replica, il Segretario Santi ribadisce il sostegno all’attività dell’Authority, svolta con professionalità ed efficacia. “In questi anni sono state fatti 30 controlli in attività già operative che continueranno, periodicamente sono monitorate tutte”. Rispetto all’atto organizzativo chiarisce che è stato appena concluso il giro di consultazione con gli operatori e che “nel giro 2-3 settimane verrà confezionata la proposta normativa e portata all’attenzione delle part politiche e del sindacato”.

Concluso il dibattito sull’Authority, l’Aula passa ad aprire il comma n. 12, “Ratifica dell’Accordo istitutivo della Banca Europea per la ricostruzione e lo sviluppo” prima di interrompere la seduta.  I lavori consiliari riprenderanno domani alle 13,30.

SMNA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here