CGG: termina in anticipo con il Nagorno-Karabakh, Comitato Sammarinese di Bioetica e BCSM

0
33

            Il Consiglio Grande e Generale conclude nella giornata odierna con un giorno di anticipo la sessione di Novembre, con l’approvazione di un ordine del giorno su un tema di politica estera- la situazione di Nagorno-Karabakh– all’unanimità.
All’avvio della seduta di oggi si procede velocemente con l’esame dei decreti delegati rimasti all’ordine del giorno. Sono quindi ratificati tra gli altri il n. 152 (Revisione del Regolamento di Contabilità), il n. 163  (Modifiche alla Legge 29 luglio 2014 n.125 – Legge di Riforma in materia di Aviazione Civile e successive modifiche), rinviato il n. 164 (Aggiornamento delle disposizioni sulle banconote in recepimento della decisione (UE) 2019/669 della B.C.E.).

 

            L’Aula passa alla lettura, da parte del Segretario di Stato per la Sanità, Roberto Ciavatta, della “Relazione conclusiva sulla attività svolta del Comitato Sammarinese di Bioetica, relativa al 2017-2020”, reperibile al link  https://www.consigliograndeegenerale.sm/on-line/home/lavori-consiliari/dettagli-delle-convocazioni/scheda17170198.html . Segue il dibattito consiliare in cui viene espressa a livello bipartisan la soddisfazione, in particolare, per la produzione di linee guida da parte del Comitato nel corso dell’emergenza sanitaria per la pandemia da Covid 19, documenti che hanno ricevuto riconosciumenti e pubblicazioni a livello internazionale. Lo stesso Segretario di Stato, nel suo intervento, sottolinea come la nomina della nuova composizione del comitato di Bioetica, con conferme e new entry, avvenuta ieri in Aula, abbia registrato votazione all’unanimità. “E’ un’ottima premessa per il lavoro del comitato dei prossimi anni- spiega- le persone incaricate sono di livello superiore a tanti comitati di bioetica nazionali, fa ben sperare per la creazione, per esempio, di un hub di ricerca sui tumori su cui stiamo lavorando per fare di San Marino un centro riconosciuto”.

 

            L’Aula affronta poi la presa d’atto della Relazione consuntiva di Banca Centrale sull’attività svolta nel 2019 e sul bilancio d’esercizio 2019 su cui si apre un dibattito. In particolare emerge come per la prima volta Bcsm riporti un bilancio in attivo, raggiunto anche grazie alle importanti economie realizzate sui costi. Il Sds per le Finanze Marco Gatti sottolinea nel suo intervento come nel 2019 l’istituto sia riuscito a riaprire il dialogo con Banca d’Italia e come le interlocuzioni per giungere al Memorandum d’Intesa siano proseguite per tutto il 2020.

 

            I lavori si concludono con la votazione di due Ordini del giorno presentati nella precedente sessione consiliare: respinto il primo sottoscritto da Libera “per la predisposizione – e adozione entro marzo 2021 – di un codice di condotta per i membri del Consiglio Grande e Generale in attuazione alle raccomandazioni del Greco”.
Ottiene invece l’unanimità l’Odg sul conflitto in Nagorno Karabakh, sottoscritto da tutti i gruppi consiliari -e modificato alla luce degli sviluppi del recente “cessate il fuoco”- con cui si “invita il governo a continuare a sostenere  con determinazione  ogni iniziativa internazionale in favore tra le parti e a rendersi portavoce nelle sedi multilaterali per una intesa che garantisca da subito la sicurezza della popolazione”.

Fonte Agenzia DIRE

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here