PS: gray list per San Marino, contrariamente a quanto dice il governo

Forse, la Segreteria alle Finanze dovrebbe cominciare a chiedere aiuto

PS: gray list per San Marino, contrariamente a quanto dice il governo

PS: la folle politica gestionale del governo
Il governo rassicura sulla gray kist
Unas: Fondiss è un bene dei contribuenti non del Governo!

San Marino. Il Partito Socialista stigmatizza il comportamento del governo di taluna stampa nel divulgare continuamente informazioni che non risultano essere veritiere e che necessitano di essere adeguatamente verificate. In particolare, la Segreteria di stato per gli Affari Esteri ha pubblicato in data 5 dicembre u.s. un comunicato stampa in merito alla conformità di San Marino agli standard fiscali dell’Unione Europea. Tale comunicato sostiene che “San Marino è dunque, a tutti gli effetti, un Paese compliant, ovvero conforme, sulla base di criteri oggettivi che tengono conto di un adeguato livello di trasparenza”.

Purtroppo il Partito Socialista rileva che San Marino non è “a tutti gli effetti, un Paese compliant, ovvero conforme” ai nuovi standard fiscali europei come sostenuto dal governo. Infatti, la risoluzione del Consiglio dell’Unione Europea n. 15429/17 (link in calce) pone San Marino nel gruppo delle giurisdizioni con “regimi fiscali dannosi” nell’Allegato II.

Il Partito Socialista si domanda se non sia il caso che il Segretario di Stato alle Finanze non cominci a chiedere aiuto a tutte le forze politiche e sociali interessate al bene del Paese e non alla mera propaganda politica, considerando che la risoluzione del Consiglio dell’Unione europea riporta che San Marino sia impegnato “a modificare o abolire i regimi individuati entro il 2018”. Su quest’ultimo punto in particolare , su cui peraltro le forze di opposizione sono completamente all’oscuro, occorre fare estrema chiarezza.

http://data.consilium.europa.eu/doc/document/ST-15429-2017-INIT/it/pdf

 

 

COMMENTA L' ARTICOLO