Università: terza edizione del corso di alta formazione internazionale

Presentata l’iniziativa che coinvolge l'Università di San Marino e la Segreteria Affari Esteri: previsti tirocini in Oriente

Università: terza edizione del corso di alta formazione internazionale

Unirsm, selezioni per il dottorato in scienze storiche
Università, aperte le iscrizioni al Master di Comunicazione e Nuovi Media
Elena D’Amelio alla conferenza internazionale del cinema

San Marino. Oltre 120 ore di lezione curate da docenti universitari, diplomatici e dirigenti di aziende multinazionali, unite alla possibilità di svolgere tirocini formativi all’estero. È quanto offre per il terzo anno consecutivo il corso di alta formazione in Processi di Internazionalizzazione organizzato in partnership dall’Università degli Studi della Repubblica di San Marino e dalla Segreteria di Stato agli Affari Esteri, con un programma di studi riservato a laureati e non, caratterizzato da una novità: il ‘project work’, un’attività che porterà gli iscritti in una serie di selezionate aziende sammarinesi per redigere un piano di internazionalizzazione riferito a una specifica area geografica del mondo. Uno strumento per sperimentare quanto appreso in aula, quindi, e mettersi alla prova con un caso pratico.

Presentato oggi a Palazzo Begni dal Rettore dell’Ateneo, Corrado Petrocelli, e dal Segretario di Stato agli Esteri, Nicola Renzi, il corso riceve quindi nuovo impulso e conferma al contempo gli approfondimenti su temi come il web marketing internazionale, la gestione dei dati, le strategie di vendita e gli aspetti fiscali legati a queste dinamiche. A ciò si affiancano le esperienze formative in imprese collocate in Paesi come Giappone, Vietnam, Indonesia e India, organizzate dalla Segreteria di Stato agli Affari Esteri grazie all’attività del suo corpo diplomatico e consolare, con il contributo economico dell’Associazione Bancaria Sammarinese.

“Una delle nostre caratteristiche è non creare doppioni rispetto a quanto proposto dagli altri Atenei, e in questo senso il corso è decisamente originale – commenta Petrocelli – gli studenti hanno la possibilità di comprendere alcuni meccanismi coinvolti nell’avvio di un’attività all’estero attraverso casi di studio come India, Cina e Giappone. Grazie ai tirocini i partecipanti possono toccare con mano quanto accade durante questi processi”.

“Grazie a questa iniziativa – spiega Renzi – l’Internazionalizzazione viene studiata dal punto di vista teorico e pratico. Le competenze fornite – prosegue – potranno essere reimpiegate in organismi come l’Agenzia per lo Sviluppo e lo Sportello unico”.

Le lezioni, coordinate dal direttore scientifico Massimo Ferdinandi, sono in calendario dal 3 novembre prossimo al 3 marzo 2018 e prevedono un esame finale scritto che porterà alla selezione degli studenti ai quali verrà offerta la possibilità di accedere ai tirocini all’estero. Il rilascio del diploma è riservato agli studenti che frequenteranno almeno il 70% del programma e presenteranno il project work.

Le pre-iscrizioni, aperte fino al 26 settembre, possono essere effettuate dal sito web dell’Ateneo, www.unirsm.sm  selezionando la voce “iscrizioni” nella pagina dedicata al corso, alla quale è possibile accedere dalla sezione “offerta formativa”. In alternativa è attivo il link diretto www.unirsm.sm/corsointernazionale 

La quota di iscrizione è di 800 euro.

COMMENTA L' ARTICOLO