Attiva-mente sulla prossima Giornata dedicata alle persone con disabilità

0
85

San Marino. Si sta avvicinando la Giornata delle Nazioni Unite dedicata alle persone con disabilità, che dal 1992 è osservata ogni anno e in tutto il mondo il 3 dicembre.

Il tema di quest’anno è “Dare potere alle persone con disabilità e garantire l’inclusione e l’uguaglianza a mente di quanto previsto nell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.”

Si parlerà in particolare del “diritto alla città” secondo una visione condivisa di una città per tutti i cui abitanti possano godere e produrre città e insediamenti umani equi, sicuri, salubri, accessibili, resilienti e sostenibili.

L’Agenda 2030, infatti, attribuisce grande importanza alle questioni legate all’urbanizzazione sostenibile, in particolare nell’Obiettivo n.11: rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, resilienti e sostenibili. Non può esserci sviluppo sostenibile senza sviluppo urbano sostenibile. La Conferenza delle Nazioni Unite sull’edilizia abitativa e lo sviluppo urbano sostenibile (Habitat III), tenutasi a Quito, in Ecuador nel 2016, è stata la conferenza ONU con il più alto numero di presenze nella storia, vi hanno infatti partecipato oltre 45.000 persone. Essa ha riconosciuto l’importanza dell’adozione di un approccio smart-city che sfrutta le opportunità offerte dalla digitalizzazione, energia pulita e tecnologie, nonché trasporti innovativi tecnologie, offrendo così agli abitanti la possibilità di compiere scelte più rispettose dell’ambiente e promuovere una crescita economica sostenibile e consentire alle città di migliorare l’erogazione dei servizi.

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, inoltre, ha lanciato recentemente un primo Rapporto che fornisce una base di prove per l’inclusione di politiche inclusiva, implementazione, monitoraggio e valutazione di un’agenda di sviluppo globale inclusiva, accessibile e sostenibile.

L’Agenda 2030 è un ambizioso piano di azione della comunità internazionale verso un mondo pacifico e prospero, in cui la dignità di una persona individuale e l’uguaglianza tra tutti è applicata come principio fondamentale, che tratta trasversalmente tre pilastri del lavoro delle Nazioni Unite: sviluppo, diritti umani, pace e sicurezza. Tale impegno è volto principalmente a non lasciare indietro nessuno, pertanto è fondamentale garantire la piena ed equa partecipazione anche delle persone con disabilità in tutte le sfere della società e creare ambienti favorevoli da parte di, per e con persone con disabilità.

L’auspicio è che tutto ciò possa rappresentare un’occasione per pensare anche a questi aspetti nel momento in cui si va a progettare, gestire e vivere la San Marino di domani.

 Attiva-Mente

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here