RETE sulla Relazione della Commissione d’Inchiesta su Banca CIS

0
31

La relazione della Commissione di inchiesta su Banca CIS e il conseguente dibattito consiliare disegnano uno spartiacque nella storia recente del Paese tra il prima e il dopo le gravissime vicende di quell’istituto di credito. Per la prima volta, infatti, la politica prende coscienza di un sistema perverso e di un piano criminale volto ad impossessarsi dello Stato e delle sue risorse patrimoniali, impostato anni fa, rafforzato e ampliato negli ultimi anni, coinvolgendo tutti i partiti, tranne RETE. La cronologia degli atti, puntualmente ricostruita dalla Commissione di inchiesta, conferma la validità e l’importanza delle azioni di RETE per contrastare il piano criminale e per difendere gli interessi generali dei sammarinesi.

Negli ultimi tre anni, il piano è stato portato a conclusione intaccando addirittura le istituzioni, i poteri dello Stato, gli organismi finanziari e giurisdizionali oltre che le singole persone alcune in buona fede e ingenue, ma usate spregiudicatamente dai politici in malafede, che hanno condiviso il disegno e non hanno mai avuto scrupoli. È del tutto incredibile che in Congresso di Stato, nel CCR, nel comitato Direttivo di BCSM e di Cassa di Risparmio ci fossero persone che non sapessero nulla. Le pallide e imbarazzanti giustificazioni che si sono sentite in aula, sono tardive, insufficienti e inappropriate.

Una giustizia che agiva a comando dei poteri eversivi che si fregiavano di aver portato dalla loro parte un giudice o più di uno. “Chi tocca il CIS muore”, aveva scritto RETE in un vecchio comunicato del 2018 che qualcuno ha corretto riscrivendo: “chi tocca Grandoni muore”.

Oggi, ci siamo ritrovati con un intero Paese “quasi morto”. Ma rinascerà con la passione di chi non si è lasciato corrompere e con l’impegno di tanti giovani che vogliono diventare protagonisti del loro futuro. Non è un caso che la Commissione d’ Inchiesta sia composta in gran parte di giovani. È anche grazie a loro se si è potuto avere un quadro imparziale, oggettivo e realistico, di Banca CIS e di tutti i suoi addentellati.

Ora non ci si può più nascondere dietro a un dito.  Bisogna operare con il massimo rigore attraverso le azioni di responsabilità, ricostruire lo Stato democratico, rilanciare il Paese con adeguate riforme, rafforzare lo stato sociale, assicurare la giustizia e garantire efficaci controlli. Come ha fatto in passato, RETE farà la sua parte anche in questa nuova sfida. Sarà al servizio della Repubblica.

Movimento RETE

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here