“Preoccupazione per la messa in discussione della libertà di stampa”

0
13

Il Direttivo della Consulta per l’informazione esprime forte preoccupazione per la sistematica messa in discussione dei principi che sono alla base della libertà di espressione, del diritto di cronaca e di critica. L’ultima azione in ordine di tempo è la delibera, recentemente pubblicata, con la quale il Congresso di Stato dà mandato all’Avvocatura dello Stato di perseguire articoli che “gettano discredito sul prestigio e l’onorabilità della Repubblica e delle sue Istituzioni”. Una formulazione tale, per genericità e discrezionalità, che si ritiene possa minare fortemente il diritto democratico alla libertà di stampa e di espressione di tutti i media. Nel caso specifico la delibera riguarda un giornale. Ora, seppure questo media possa presentare delle irregolarità sulle quali la Consulta ha sollecitato più volte una normalizzazione, non si ritiene giustificato un intervento come quello della Delibera in parola, che mette a rischio un principio fondamentale qual è quello del pluralismo dell’informazione e della libertà dei media. Questa Delibera, tra l’altro, non è l’unico motivo di timore, considerato che ce ne sono state altre sempre indirizzate a perseguire giornali e si sono più volte riscontrate prese di posizione, pubbliche o riservate, che hanno preso di mira i media. Già lo scorso gennaio, tra l’altro, il Direttivo della Consulta per l’Informazione ha avuto modo di manifestare alla Reggenza la propria preoccupazione per prese di posizione, accuse, offese lanciate, troppo spesso, da esponenti del mondo politico nei confronti di giornalisti e testate. E proprio la Reggenza ha avuto a suo tempo modo di esprimersi a “sostegno della libertà di stampa quale valore essenziale alla costruzione di una società democratica”. Un pensiero, quello dei Capi di Stato, che la Consulta per l’Informazione non può che fare proprio.