Blitz della maggioranza sul Conto Mazzini, Libera chiede chiarezza sui tempi di prescrizione

0
114
Riceviamo e pubblichiamo da Libera:
Il lavoro del gruppo di magistrati e avvocati che si è occupato di portare elementi di riforma alla procedura penale e che ha introdotto garanzie significative a favore dei cittadini, è stato completamente stravolto dall’introduzione di una norma, pensata ad hoc, che interviene pesantemente nelle decisioni dei processi in corso ed in particolare di quelli più importanti quale il ‘Mazzini’ e il ‘caso Titoli’. Processi che registrano numerosi intrecci con la politica e non solo per la natura degli imputati, ma anche di chi ne ha preso le difese. Il progetto di legge discusso in Commissione Uno all’art.7 comma 3 e un successivo ulteriore emendamento pensato dai Consiglieri di maggioranza e presentato all’ultimo istante, dispone l’introduzione di una procedura del tutto nuova e mai prevista dall’ordinamento giudiziario sammarinese, quella del Giudizio di Terza Istanza con la possibilità di riformare completamente le sentenze di secondo grado, fino a prevedere una nuova formula che può modificare quindi gli effetti anche della sentenza di primo grado. I motivi per cui la difesa o il Procuratore del Fisco possono attivare questa nuova procedura sono i più semplici da generare in quanto si tratta semplicemente di formulare un elemento che il processo di appello non ha esaminato. A questo punto il Giudice di Terza Istanza, che fino a ieri poteva intervenire solo ed unicamente per confermare o rinviare in Appello una sentenza, ora potrà lui stesso definire l’assoluzione o l’entità della pena. Di fatto il lavoro tecnico della terza istanza diventa ora un lavoro che integra e riproduce tutte le fasi del percorso processuale. Questa possibilità, anche perché facilmente impugnabile, rappresenta un nuovo strumento a disposizione degli avvocati della difesa proprio nel momento in cui stanno per essere emesse le sentenze di secondo grado del Mazzini. Il blitz scopre ulteriormente le sue carte poiché la fretta di fare questo articolo non specifica elementi essenziali quale quello (fondamentale) che dica come dovranno svolgersi le fasi del nuovo procedimento. Il rischio è ovviamente quello di ricadere negli stessi identici errori che hanno portato numerose sentenze di appello sammarinesi al vaglio della Corte Europea dei Diritti dell’uomo. Nulla dice poi l’articolo in merito ai termini con cui si dovrà svolgere il nuovo processo, mentre l’emendamento presentato all’ultimo istante dai Consiglieri della maggioranza, si spertica nel dire che : “La presentazione del ricorso sospende l’esecuzione della sentenza d’appello” e cioè se ci fossero anche delle condanne, queste non sarebbero esecutive fino a quando non si pronuncerà anche il giudice di terza istanza. Nessuna preoccupazione viene invece espressa rispetto al decorrere dei tempi che portano alla prescrizione dei reati, obiettivo che sembra, ogni giorno di più, fondamentale nella strategia difensiva ed anche, viste le numerose leggi approvate in tal senso, di una larga parte della maggioranza politica di governo. Per tali motivi Libera ha presentato un’interpellanza affinché venga detto chiaramente quali sono i termini delle prescrizioni dei reati affinché la storia del Paese non debba subire un ulteriore, e programmato, colpo di spugna.
Libera
Interpellanza Libera 
Considerata la proposta di legge “Disposizioni per implementare le garanzie e l’efficienza del processo penale” esaminata e approvata in sede referente il 27 Gennaio 2022 in Commissione I e in attesa si definitiva approvazione in Consiglio Grande e Generale;
Considerate le modifiche che verranno apportate alla procedura penale sammarinese con la nuova disciplina sopra citata, in particolare con l’introduzione del terzo grado di giudizio;
Tenuto conto anche della giurisprudenza del Collegio Garante ed in particolare della sentenza n.10 del 2 Agosto 2021, che sembra incidere drasticamente sui tempi dì prescrizione del reato di riciclaggio contestato nell’ambito del Conto Mazzini, tempi dì prescrizione che verrebbero quindi significativamente ridotti;
Considerato il processo del “Conto Mazzini”, in attesa della sentenza di appello, che è stato definito dal GRECO come “il più grande schema e corruttivo nella storia del Paese” e il più importante della storia giudiziaria sammarinese che ha tra gli accusati di riciclaggio, corruzione, associazione a delinquere anche ex segretari di Stato ed ex Capitani Reggenti e che avrebbe movimentato cifre che si aggirano tra gli 800 e gli oltre mille milioni di euro;
Interpella il Congresso di Stato per conoscere:
– le ripercussioni, quale impatto le nuove norme avranno sul processo “Conto Mazzini” e quindi se possano comportare concretamente rischi di prescrizione dei reati contestati in quel processo;
– i tempi di prescrizione, ad oggi, rispetto ai reati contestati in primo grado, divisi reato per reato, calcolandoli in base alla giurisprudenza e i vari disposti normativi prodotti negli ultimi anni