Commissione Consiliare Sanità: trattata la gestione dei rifiuti e l’emergenza Covid

0
20

L’aggiornamento sullo stato della gestione dei rifiuti da parte del direttore Aass, Raoul Chiaruzzi, è stato al centro della prima parte dei lavori della Commissione consiliare permanente riunita oggi a Palazzo Pubblico.

Al termine del dibattito, in apertura dei lavori pomeridiani, è stato approvato in Aula un Ordine del giorno sottoscritto dai gruppi di maggioranza (votato a maggioranza) per confermare le linee di indirizzo date nelle precedenti commissioni sul medesimo argomento, ovvero “la strategia della gestione interna dei rifiuti organici e la validità degli obiettivi individuati nei propri precedenti Odg, procedendo con le attività pianificate, progettate e programmate per il raggiungimento degli stessi con l’aggiornamento della calendarizzazione degli interventi indicati”. La Commissione quindi “dà mandato al direttore Aass di redigere il quadro economico completo e di dettaglio dei costi di gestione e dei benefici economici del sistema progettato e la realizzazione degli impianti per consentire il trattamento dei rifiuti organici in territorio; di attuare forti azioni di informazione e sensibilizzazione nei confronti della cittadinanza e procedere  agli accordi con Consorzi o Aziende private per la valorizzare dei rifiuti differenziati raccolti”.

L’Odg, anche se sottoscritto dalla maggioranza, sintetizza le richieste emerse nel corso del dibattito, avanzate a livello bipartisan, per avere da parte di Aass maggiori informazioni sui costi e sulle prospettive del passaggio su tutto il territorio al sistema di raccolta per isole ecologiche e alla dismissione del sistema porta-a-porta nei Castelli in cui era stato avviato. 

Da un lato infatti, ci sono i consiglieri Selva e Zanotti di Libera che stigmatizzano la scelta di abbandonare il progetto di estendere il porta-a-porta in favore del sistema delle isole ecologiche “senza la consapevolezza di quello che comporterà a livello di costi e di organizzazione”; dall’altro i consiglieri di maggioranza di Rete, Dml e Npr sostengono che prima di prendere una decisione definitiva sia necessario avere un’analisi più dettagliata dei costi previsti per l’acquisto di nuovi mezzi, nuovo fabbisogno e degli stessi cassonetti (si prevedono dalle 260 alle 300 isole ecologiche su tutto il territorio). “Non ci sono state scelte improvvisate- sottolinea invece Gian Carlo Venturini, Pdcs- ma ponderate sui dati forniti dall’azienda dopo la relazione di agosto che evidenziava problematiche sull’intercettazione dell’umido e su aspetti del porta a porta”. Quest’ultimo sistema, limitato in pochi Castelli, ha comportato, spiega, una spesa di 2 mln di euro l’anno. “Il porta a porta ha evidenziato dei limiti e costi che non ci aspettavamo- incalza Venturini- se le cose non funzionano si cambiano, non per questo si dice che non vogliamo essere virtuosi”.

Concluso il comma 1, la commissione è passata brevemente al comma comunicazioni in cui, sollecitato da Marica Montemaggi, Libera, il Sds Canti ha riferito sull’andamento dei contagi Covid-19 nel Paese. Nella giornata di oggi si contano 27 nuovi positivi. A fronte di 10 i ricoverati di cui 5 in terapia intensiva, “ad oggi i numeri, pur essendo consistenti, sono da una parte confortanti- rassicura poi il Segretario di Stato- perché la struttura sanitaria sta funzionando al 100%”. Canti anticipa infine che lunedì verrà aperta un’unità di crisi con Provincia di Rimini,  Asl Romagna e Protezione Civile San Marino ed Protezione civile Emilia Romagna, “per fare una valutazione di insieme su ulteriori provvedimenti per limitare il contagio”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here